Il governo australiano: le leggi discriminano le coppie gay

di

Il ministro della Giustizia del nuovo governo laburista ha commissionato uno studio dal quale emerge una forte discriminazione nei confronti delle relazioni e promette di porre rimedio.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
959 0

Il livello di discriminazione legislativa verso gay e lesbiche in Australia è quasi il doppio di quanto valutato finora, con circa 100 leggi federali che non riconoscono diritti alle coppie dello stesso sesso. Lo rivela uno studio ordinato dal ministro della Giustizia del nuovo governo laburista, eletto lo scorso novembre dopo 12 anni di governi conservatori.
"La rilevazione di leggi federali condotta dal mio ministero ha scoperto molte più delle 58 leggi identificate lo scorso anno dalla Commissione diritti umani e pari opportunità come discriminatorie verso persone in strette relazioni affettive", ha detto il ministro Robert McClelland, che ha promesso di intervenire per eliminare tutte le norme con effetti discriminatori. Il rapporto della Commissione raccomandava in particolare di estendere la definizione legale di coppie di fatto, da tempo vigente per le coppie eterosessuali, alle relazioni omosessuali.

"Il governo ha in programma di annunciare buona parte del pacchetto di riforme legali con il bilancio di previsione del prossimo maggio – ha spiegato il ministro – perché la riforma comporterà in alcuni casi maggiori oneri di spesa, quando i partner dello stesso sesso avranno accesso a benefici da cui sono stati finora esclusi".
"La discriminazione esiste in ogni area amministrativa, incluse la pubblica istruzione e la privacy, il fisco, la previdenza sociale, i fondi di pensione e le relazioni industriali – ha aggiunto -. Il nostro governo è impegnato a rimuovere queste discriminazioni e mi sto consultando con il mio ministero sulla maniera migliore di introdurre i cambiamenti".
Il ministro ha tuttavia precisato che il governo non permetterà il riconoscimento dei matrimoni gay e delle unioni civili, e favorirà piuttosto un sistema di registri delle relazioni di convivenza stabile.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...