Il Mieli lancia la Rainbow Line, nuovo numero verde gay

di

Attivo da domani il nuovo numero verde lanciato dal Circolo Mario Mieli di Roma è il secondo della Capitale. Operatori selezionati e formati risponderanno alle domande su salute...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
3641 0

Il Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli ha lanciato oggi l’apertura della "Rainbow Line – Numero Verde gratuito 800 11 06 11". Il Numero Verde gratuito, progetto finanziato dalla Regione Lazio, è, si legge in un nota del Mieli, "la naturale prosecuzione  dello storico centralino telefonico di ascolto ed informazione del Circolo Mario Mieli, funzionante sin dal lontano 1983".

Gli operatori che risponderanno al servizio saranno selezionati e seguiranno uno specifico corso di formazione per essere in grado di rispondere adeguatamente alle richieste di informazioni sulla comunità glbt e sulla tutela della propria salute.

"Il Numero Verde gratuito – dichiara ancora il Circolo – nasce infatti proprio dalla consapevolezza di dover offrire maggiore ascolto, di  informare sui propri diritti, di ricevere risposte adeguate e professionali sulla prevenzione, di orientare i fruitori del sevizio in maniera puntuale ed efficace". La Rainbow Line sarà attiva da domani, martedì 5 luglio, nei seguenti giorni e con i seguenti orari: martedì dalle 16.00 alle 20.00, mercoledì dalle 12.00 alle 16.00 e giovedì dalle 16.00 alle 20.00

"Bene, vuol dire che Gay Help Line 800.713.713 è un buon servizio e un buon esempio, di cui si sentiva e si sente la necessità – ha commentato Marina Zela, presidente di Arcigay Roma, l’associazione promotrice della Gay Help Line -. Gay Help Line ha compiuto nel 2011 5 anni e rappresenta un modello d’eccellenza anche per le associazioni lgbt europee. Il servizio è cresciuto tantissimo, fino a diventare un vero e proprio centro servizi: oltre all’ascolto telefonico offre consulenze mediche, legali e psicologiche gratuite ed è da anni un referente di altissimo profilo sia per la comunità gay che per le Istituzioni con tantissime campagne di comunicazione sui temi più svariati (giovani, scuola, donne, prevenzione, omofobia ecc). Le sfide che abbiamo di fronte riguardano l’impegno ancora più forte su nuovi temi e il rafforzamento su quelli strategici come la salute e grazie all’impegno di centinaia di volontarie e volontari operatori telefonici e professionisti siamo certi che saranno centrate".

Leggi   Olly Alexander denuncia: 'ancora oggi omofobia nell'industria musicale'
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...