Il Napoli: “Sanzioni a Datolo non perché la rivista è gay”

In malafede, così la società definisce chi ha accusato i dirigenti di omofobia per avere sanzionato il giocatore che ha posato per Romeo Mag. Ammenda per avere posato con la maglia della squadra.

La sanzione che la società che gestisce la squadra del Napoli ha inflitto a Jesus Datolo per avere posato per Romeo Mag non ha niente a che vedere con il fatto che la rivista si rivolge ad un pubblico gay e chi insinua che si tratti di un provvedimento che si basa su un sentimento omofobo è in malafede. Questo è il messaggio che i dirigenti del Napoli hanno voluto diffondere dopo che il giocatore si è visto comminare la sanzione per quelle foto che hanno fatto il giro del web.

La motivazione della sanzione, secondo la società, sta nel fatto che sarebbero stati disattesi gli obblighi contrattuali che vincolano il giocatore alla squadra, specificatamente per quanto riguarda i diritti d’immagine del Napoli, dato che Datolo appare, in una delle foto del servizio, con la maglia della formazione. Insomma, stando a quanto fa sapere il napoli, Datolo avrebbe anche potuto posare nudo per la rivista gay, ma il fatto che abbia indossato la maglia con cui gioca gli è costato una sanzione e una settimana di polemiche. E questo, sostengono i dirigenti del Napoli, sarebbe successo anche se si fosse trattato di una rivista etero o di qualsiasi altro tipo di testata.

Ti suggeriamo anche  Cromatica, cori LGBT d'Italia in 13 piazze per dire basta all'omofobia