Il pastore contento per la strage di Orlando si dimette per favoreggiamento della prostituzione

Era anche conosciuto per i suoi sermoni, sempre di chiaro stampo omofobo.

Donnie Romero è un pastore della Stedfast Baptist Church (una chiesa battista indipendente) a Fort Worth, Texas. E’ stato protagonista della cronaca nazionale per diversi suoi sermoni, in cui inseriva sempre e volentieri inequivocabili attacchi alla comunità LGBT e in particolare all’omosessualità. Il solerte pastore, distaccatosi dal movimento evangelico americano perché troppo mondano, ha deciso di lasciare il suo posto, dopo aver ammesso alcuni suoi peccati. Questi riguardano il gioco d’azzardo, l’uso di marijuana e il tradimento della moglie con delle prostitute. Oltre che per i suoi sermoni, l’ormai ex pastore Romero era anche famoso per essersi dimostrato felice per la strage di Orlando, in cui persero la vita 49 persone all’interno di un locale gay, il Pulse.

Sono io quello che ha colpa in questa situazione. Amo la Stedfast Baptist Church. Amo la mia famiglia. Questa è la decisione migliore per la mia famiglia e questa chiesa” ha affermato durante il suo ultimo sermone, in cui annunciava anche le sue dimissioni. Non è ancora del tutto chiaro se sia stato licenziato per quel che aveva fatto o se ha volutamente rassegnato le sue dimissioni, ma il suo sostituto è già arrivato alla chiesa. E l’opinione del nuovo pastore verso le persone omosessuali purtroppo non discosta tanto da quella del predecessore.

Ti suggeriamo anche  Omofobia, il nostro decalogo per guarire una volta per tutte

Dalla strage di Orlando ai gay pedofili

Donnie Romero non è l’unico ad aver festeggiato per la strage di Orlando. Difatti, molte chiese conservatrici appoggiavano l’attentatore, felice del fatto che almeno una cinquantina di omosessuali fossero morti. In quell’occasione, Romero disse che pregava che i feriti non sopravvivessero, in modo tale che “non abbiano più possibilità di uscire e ferire i bambini“. Romero era convinto che tutti gli omosessuali fossero dei pedofili, e che dovrebbero essere condannati a morte. Un altro dubbio sulle sue dimissioni riguarda anche il sesso delle prostitute con cui si sarebbe intrattenuto. Difatti il pastore non ha mai voluto rilasciare dichiarazioni in merito. Lo ha fatto invece il suo successore, Jonathan Shelley, il quale ha ribadito alla NBC News che non conosce il vero sesso delle stesse (o degli stessi).

La Stedfast Baptist Church è stata etichettata come una chiesa anti-LGBT che fomenta un incredibile odio verso la comunità. Creata dallo stesso Romero nel 2014, ha l’obiettivo di diffondere la Bibbia, osservando i comandamenti e seguendo alla lettera i suoi insegnamenti. Proprio come ha fatto Donnie Romero.