Il PD parla di diversità

“Così diversi, così uguali”: incontro a Firenze con esponenti del PD per parlare delle differenze, dei diritti civili e del pluralismo. Invitati anche la senatrice Binetti e il generale Del Vecchio.

Si terrà a Firenze il primo incontro organizzato dal Partito Democratico sulla cultura delle differenze. Il tema di "così diversi, così uguali" sarà quello dei diritti civili e del pluralismo intesi come risorse indispensabili a costruire un nuovo Paese.

L’obiettivo è quello di «comunicare come questo nuovo partito cerca di entrare in simbiosi con tutta la società e le sfumature della realtà» ha detto a Gay.it Giuliano Gasparotti, uno dei coordinatori dell’evento fiorentino. Il PD «è un partito pluralista centrato sul valore costitutivo del dialogo e di un progetto che tende ad unire un paese moderno – ha continuato Gasparotti -. La tesi è che la diversità è lo strumento principale attraverso cui aprire un dialogo, anche culurale, col paese».

«I destinatari del dialogo sono quelli che rappresentano le diversità degll’articolo 3 della Costituzione: diversità di genere, di razza, di religione ma anche di competenze, come le imprese».

E a proposito delle polemiche scaturite dalle affermazioni della Binetti e Del Vecchio, Gasparotti svela di avere invitato all’icontro di martedì sera proprio loro, la senatrice teodem e il generale. «Quando determinate persone si alzano e dicono una certa cosa nonostante abbiano firmato il programma tentano di attirare l’attenzione dei media, a volte, come nel caso del generale, senza neanche conoscerne bene i meccanismi. Alla fine della campagna elettorale è comprensibile ma poi farà fede il programma. Entrambi – continua Gasparotti – avranno comunque modo di chiarire il loro pensiero al nostro incontro».

Ti suggeriamo anche  Bocciata la candidatura di Mounir Baatour, gay dichiarato, alla presidenza della Tunisia

Non manca una stoccata alle associazioni gay "colpevoli", secondo Gasparotti, di «coltivare un proprio orticello a scapito dei diritti di chi rappresentano.» «Parte del movimento lgbt deve diventare adulto come già lo sono i movimenti degli altri paesi europei. La loro battaglia deve essere di maggioranza, non di retroguardia.»

Martedì 8 aprile, ore 20 con aperitivo

"Così diversi così uguali"

Teatro dell’Affratellamento

via Giampaolo Orsini 73, Firenze

Ospite: Katia Beni