Il presidente del Gambia: “Gay? Vi faremo pentire di essere nati”

di

Jammeh si dice pronto anche ad affrontare la fame e rinunciare agli aiuti internazionali, ma non ad accettare gay nel suo paese: "Significherebbe permettere diritti satanici"

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
4758 0

“L’omosessualità è contro l’umanità. Non ho mai visto un pollo o un tacchino omosessuali… Se siete condannati per omosessualità, non ci sarà pietà per i colpevoli. Sarete nell’ala femminile della prigione”. Sono le parole, difficili da equivocare, del presidente del Gambia, Jammeh, che non contento di quanto già dichiarato, ha aggiunto: “Vogliamo che la popolazione cresca. Ci saranno bambini in questo paese. L’omosessualità è contro Dio, contro l’umanità e contro la civilizzazione. Gli omosessuali non sono benvenuti in Gambia.

Se vi prendiamo, vi faremo pentire di essere nati. Ho bufali dal Sud Africa al Brasile e non si sono mai accoppiati tra loro”. E sulle possibili minacce di sospensione degli aiuti che potrebbero arrivare dai paesi occidentali difronte ad una politica discriminatoria di questo genere, Jammeh afferma: “Siamo pronti a mangiare erba, ma non faremo compromessi su questo. Permettere l’omosessualità significa permettere diritti satanici. Non autorizzeremo gay qui”.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   Pro Vita, la Sindaca Raggi fa sparire gli osceni manifesti omofobi: 'offendono tutti i cittadini'
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...