Il prete che vuole curare l’omosessualità con l’omeopatia

di

Avete letto bene: ecco quale sarebbe la soluzione. No, non le avevamo viste tutte...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
3652 0

L’omosessualità è una malattia e si cura, udite udite, con rimedi omeopatici. Pensavamo di averle sentite tutte e invece questa versione “new age” delle terapie riparative arriva dal Messico e a proporla è (e questo, sinceramente, stupisce meno), un prete, padre Carlos Aguilera (nessuna parentela con la più famosa Christina, a quanto pare).
Il prete, che secondo quanto riporta il sito messicano Zocalo è un appassionato di omeopatia, sostiene di avere sviluppato una formula che permette di modificare il comportamento ormonale sia nei maschi che nelle femmine, correggendo quei piccoli segnali che negli anni li porteranno ad essere gay e lesbiche.

Intervistato nel suo ufficio di Villa Fuente, dove fornisce consulenze proprio sull’omeopatia, don Aguilera ha spiegato che il trattamento che è riuscito ad elaborare è già nelle mani di cinque medici omeopati di Piedras Negras.
“Lo hanno già somministrati a gay che non sono felici del loro modo di vivere ha raccontato -. Si aiuta con pasticche ad alta potenza e poi sono normali”.
Ok, ora però ora assicurateci che davvero le abbiamo viste tutte.

Leggi   Caravaggio, il luogo dell'incontro tra cattolici gay verrà trasferito
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...