Il sito dove Obama chiede idee per governare

A due giorni dall’elezioni il presidente eletto Barack Obama ha aperto il suo ufficio virtuale dove ricevere le idee dei cittadini. Comprese quelle sui diritti civili.

Il giorno più importante della sua vita, quello in cui a in cui al Grant Park di Chicago ha pronunciato davanti a una folla oceanica di persone, Barack Obama lo aveva promesso: "manterrò con voi un filo diretto". Il presidente eletto non ha mancato di mantenere la promessa e si è servito del mezzo a lui preferito per mantenere i rapporti coi suoi supporters e in generale con tutti i cittadini americani, internet.

Dopo soli due giorni da quella valanga di voti che lo ha proclamato uomo più importante del mondo, Obama ha inaugurato un nuovo sito per tenere quel cordone ombellicale che lo ha legato ai tantissimi giovani soprattutto, ma anche meno giovani, che lo hanno sostenuto in questi due anni di campagna elettorale.

Da lì è possibile mandare a lui e al vicepresidente Biden proposte e domande sui temi di governo. E non manca una sezione dedicata ai diritti civili di gay e lesbiche.  Un ufficio virtuale per un governo che intende essere "aperto", come dice lo stesso Barack su change.gov.

Il popolo democratico, impegnato moltissimo sul fronte della battaglia che si è appena conclusa ha bisogno di sentirsi ancora coinvolto nel sogno di cambiamento. E Obama ha bisogno del popolo che lo ha sempre sostenuto per portare avanti il suo sogno presidenziale. Quello del primo afroamericano al governo.

LEGGI ANCHE

Storie

Portavoce di Trump allontanata da un ristorante, la titolare: “L’ho...

La donna ha denunciato l'accaduto su Twitter: immediate le reazioni pro e contro della rete.

di Gianluca Pellizzoni | 25 Giugno 2018

Storie

Uber, nuovo caso di omofobia: due lesbiche cacciate dall’auto

L'episodio è avvenuto a New York, l'autista è stato immediatamente sospeso dall'azienda.

di Gianluca Pellizzoni | 14 Giugno 2018

Storie

Orlando, il poliziotto di guardia non era davanti al Pulse...

I famigliari delle vittime hanno fatto causa al corpo di polizia e alla città della Florida.

di Gianluca Pellizzoni | 12 Giugno 2018