IL TEATRO DEL TRAVESTIMENTO

di

A Bari tre spettacoli introducono alla settimana del Pride. Enzo Toma gioca con Totò e costumi bizzarri. Mascagni lavora sulla Duras. E poi l'ironia e le risate di...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1157 0

BARI – Il programma del Baripride entra nel vivo della settimana conclusiva, e offre alcuni appuntamenti importanti con il teatro di qualità; un modo per presentare la cultura gay ai tanti spettatori che si avvicinano a questo mondo per la prima volta in occasione della manifestazione barese.
La cornice è quella di Casa Dei Doganieri a Mola, che prolunga la stagione teatrale con i due spettacoli messi in scena appositamente per la festa dell’orgoglio GLBTT. Si comincia il 30 maggio (repliche il 31 maggio e il 1° giugno) con un debutto assoluto: “Totò non te andare“, il nuovo spettacolo di Enzo Toma. Riprendendo testi dall’age d’or della Rivista italiana, lo spettacolo vuole essere un omaggio al nostro teatro e al grande Totò. In scena Vito Carbonara e Michele Napoletano si dilettano anche con il travestimento, grazie agli eccentrici costumi che sembrano ispirati alle tele di Botèro.
E proprio sull'”arte” del travestitismo si incentra anche la mostra che, in contemporanea agli spettacoli, sarà allestita nel foyèr del Teatro. L’artista è il salentino Rocco Ungaro, che da anni si occupa di travestitismo nell’arte con lavori dissacranti, ironici in una lettura neo_chic e neo-barocca nel gusto dell’eccesso.

Il programma teatrale continua il 3 Giugno con “Spunti d’amore e morte“, una produzione del Teatro dell’istante di Firenze. Nell’atto unico, tratto da Marguerite Duras, una Donna (interpretata da Cristiana Ionda), amante prostituta, vive un amore impossibile, accettando di trasformarsi nell’esile legame tra il suo precedente amante, lo Straniero e l’Uomo (Mauro Barbiero), innamorato a sua volta di quest’ultimo, ma impossibilitato ad averlo, che paga per possederla.
Sempre a partire dal 3 giugno, con repliche il 4 e il 5, approda a Bari quello che potremmo definire “lo spettacolo gay dell’anno”, la grande commedia musicale gay “Good As You“. Lo spettacolo, che fa parte della gloriosa trilogia di Roberto Biondi inaugurata con “Fiesta” (un omaggio alla Carrà), sbarcherà a Bari all’Arena Airiclotteri, per l’occasione trasformata in un grande anfiteatro all’aperto.

Il musical, incentrato sulle storie di otto personaggi gay, quattro uomini e quattro donne, ha già riscosso un grande successo nelle altre piazze italiane. Situazioni amorose, odiose, nervose e divertenti scaturiscono dal momento in cui due coppie di fratelli si conoscono via internet… il destino riserverà loro degli incontri davvero speciali e inattesi. Mentre una colonna sonora farà da filo conduttore all’intera commedia.
Per assistere allo spettacolo, sono aperte le prevendite su tutto il territorio nazionale, attraverso il circuito TicketOne. L’elenco degli esercizi abilitati alle prevendite è su www.ticketone.it.
Per maggiori informazioni su questi eventi e sul programma del BariPride, visitate il sito www.baripride.it

Questi gli spettacoli:
^SDa venerdì 30 maggio a domenica 1 giugno^s – ore 21.00
Casa dei Doganieri – Mola
TOTO’ NON TE ANDARE
Regia: Enzo Toma
Testo: Teresa Petruzzelli
In scena: Vito Carbonara e Michele Napoletano
Costumi: Michele Napoletano
^Smartedì 3 giugno^s – ore 21.00
Casa dei Doganieri – Mola
SPUNTI D’AMORE E MORTE
Drammaturgia e regia: Stefano Mascagni
Interpreti: Mauro Barbiero – Cristiana Ionda
Voce fuori campo di Lorenzo Borgotallo
Scene: Donato Di Zio
Luci: Filippo Manzini
Musiche: Laurie Anderson, Michael Galasso, Stephan Micus, Vincenzo Bellini
^SDa martedì 3 giugno a giovedì 5 giugno^s – ore 21.30
Arena Airiclotteri – Bari
GOOD AS YOU
Commedia musicale di Roberto Biondi
Interpreti: Diego Longobardi, Nadia Perciabosco, Salvatore Palombi, Celeste Brancato, Alessandra De Pascalis, Franco Sciacca, Antonio Matessich, Giulia Cantore.
Regia: Walter Martyn Cabell
Musiche originali: “Good as you” di Alfredo Gloria su testo di Walter Martyn Cabell

Leggi   Il 28 giugno si celebrano i Moti di Stonewall: cosa sono?
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...