IL TRIONFO DI CRISTINA

Grande Fratello: vince la bagnina d’Iseo. Taricone diventa tarichino, Salvo fa le smorfie, e tutti, anche la Bignarda, si commuovono. Ma giovedì prossimo c’è il grande confronto finale…

La bagnina ce l’ha fatta. Ha sbaragliato il bel Taricone e il pizzaiolo Salvo. E’ riuscita perfino a far commuovere Miss Iceberg, detta anche la Grande Bignarda, algida e schifata quel tanto che basta da condurre la trasmissione ‘cult’ dell’anno come fosse un documentario sulla riproduzione dei cetacei in cattività. Il Grande Fratello ha dunque incoronato Cristina: la più adatta, forse, alla vittoria. Cristina, con la sua dura storia alle spalle, il suo amore senza speranza (ma con ben altro…) per Pietro, la sua dose di infantilità e insicurezza che ne ha fatto di gran lunga la figura apparentemente più indifesa di tutti i dieci piccoli indiani in gara per i 250 milioni, ha alla fine conquistato il cuore degli italiani. Al secondo posto Salvo il pizzaiolo: con moglie e figli, i suoi ‘piezzi e’core’, è il prototipo dell’italiano ‘tengo famiglia’ e forse per questo ha smosso emozioni e cuori più di Pietro, al quale ha probabilmente nuociuto quell’aria da macho, da capoccia, da leader che se la cava sempre. "E se la caverà anche senza i 250 milioni", deve aver pensato la gente. Invece gli ha inferto un colpo al cuore: quando è uscito, sembrava perso. E’ stato il più emozionato, il più imbranato, il meno macho di tutti gli abitanti della casa, ragazze comprese. Se l’è cavata meglio di lui perfino la delicata Maria Antonietta, e di sicuro la fragile Cristina. Appena uscito dalla casa, al Taricone si sono sgonfiati i muscoli ed è diventato tarichino: "Non so che dire", "che devo dì", "sto troppo emozionato". E noi, e il pubblico in studio, e la Daria Bignardi, tutti a chiedersi: dov’è finito il Taricone spaccatutto? Tenero, sembrava un bambino preso con le mani nel miele.

Salvo invece è rimasto lo stesso: tradito dall’emozione, ma sempre a nascondersi dietro le battutine, le smorfie, i gridolini, e a insistere su quanto le donne avrebbero spogliato Pietro, su Pietro che per sbaglio avrebbe baciato Marco Liorni, su quanto fosse grande Pietro tanto che "lascio mia moglie perché mi sono innamorato di lui".

Al Maurizio Costanzo Show, Rocco ha gridato a Platinette: "Ma sai quanti uomini sposati sono gay e non si vede, e hanno una doppia vita?". Sorge un terribile dubbio: avrà mica pensato a Salvo? Ma no, si può tirare un sospiro di sollievo: Salvo è il burlone di turno, e il suo modo di scherzare è assolutamente innocente. Anzi, è stato bello vederlo tanto commosso mentre teneva in braccio la sua figlioletta Laura dopo esserle stato lontano per così tanto tempo.

Poi, il trionfo di Cristina: in un disgraziato vestito che le è stato regalato apposta per la sua grande uscita e che la faceva sembrare una che avesse sbagliato festa, è sopravvissuta all’assalto violento dei suoi fan all’esterno della casa, trascinata via da Marco Liorni fra le braccia degli amici che la aspettavano in studio. Lei, come già Rocco e Maria Antonietta, e a differenza di Pietro e Salvo, se l’è cavata benissimo di fronte alle domande che la povera Daria era costretta a farle: "Le donne si chiedono: se tu dovessi scegliere fra i 250 milioni e l’amore eterno di Pietro, cosa sceglieresti?". E Cristina, dopo un attimo di smarrimento: "Ma davvero le donne si chiedono questo?". E brava Cristina, dieci e lode per te!

Che abbia vinto una donna è un bel risultato, dopo gli accordi squallidamente maschilisti tra Rocco, Pietro e Salvo che volevano rimanere da soli nella casa e a furia di nomination hanno fatto fuori Marina, Maria Antonietta e volevano liberarsi anche di Cristina. Ahò, Tarico’, la bagnina t’ha annegato!

Peccato magari che non abbia vinto una donna un po’ più "donna", nel senso di grintosa, sensuale, forte. Con Cristina si ripropone il clichè della ragazza che anche quando la dà via (è stata l’unica nella casa) sembra sempre la più pura, la più innocente, basta che si comporti da romantica e che sappia cucinare e fare le faccende domestiche. Roberta e Marina non avrebbero potuto, in questo senso, tenerle testa. E nemmeno Maria Antonietta, che addirittura ha lasciato il fidanzato con cui stava da otto anni e si è messa in testa di fare davvero la pittrice.

Ma ripercorriamo l’escalation delle eliminazioni.

Francesca: la prima. La traccia che ha lasciato non è di quelle indelebili, d’altronde c’è stata poco nella casa. E’ stata la prima vittima sacrificata al concetto "d’altronde a qualcuno doveva pur toccare". Fuori dalla casa si è distinta per una certa eleganza di modi, e per i discorsi mai sopra le righe, piuttosto intelligenti rispetto alla media. Poco carismatica, però. Per lei il futuro riserva per ora molte serate nelle discoteche e, pare, una parte in un misterioso film.

Leggi   Netflix, il meraviglioso corto gay per celebrare la depenalizzazione dell'omosessualità in India

Roberta: è stata cacciata proprio perché stava antipatica a un sacco di gente, lì dentro. Saccente e chiacchierona, dice sempre di essere contenta per tutti e intanto va giù dura con i voti ai compagni d’avventura, nella rubrica che le hanno affidato su un quotidiano. La pr milanese, accusata d’essere snob, in realtà sembra una con le palle. Ma, a differenza di Francesca, ci tiene un po’ troppo a mettersi in mostra ed è sempre sopra le righe.

Lorenzo: il bietolone veneto non ha fatto granchè per rimanere impresso o particolarmente simpatico a nessuno. Dentro e fuori la casa non ha mai brillato per una qualche caratteristica che non fosse l’altezza. Ha fatto impazzire, questo sì, le donne, magari quelle che hanno sempre sognato, quando vanno a far la spesa, di essere sedotte dal macellaio dietro il bancone, carne tra la carne. Ovvero: essere sedotte da un quarto di bue tra i quarti di bue.

Sergio: il bell’Ottusangolo è il più amato dai gay, secondo il nostro sondaggio. Di lui non si può dir nulla. Com’era dentro la casa e com’è rimasto fuori, anche se ha stupito tutti per la sua parlantina e perché una volta fuori non è sembrato così ottuso come all’interno, rivelando doti affabulatorie e di insospettata simpatia e autoironia. Però non ha ancora spiegato a nessuno come mai, davanti a Pietro, si era inventato di essersi ‘fatto’ Marina.

Marina: la più bella. Quella che più ci ha saputo fare. Poco amata dalle donne dentro la casa, e forse, apparentemente, nemmeno tanto apprezzata fuori, ha dovuto subire le battute di chi non ha invece capito che lei ha fatto girare la testa a tutti ma non si è concessa a nessuno. L’ha fatto, invece, una volta uscita: foto, calendari, servizi sulle copertine dei più importanti giornali. Una modella nata. E chi le può dar torto? Per ora è lei in pole-position: sembra che a lei il Grande Fratello riservi i più lunghi giorni di gloria. E lei se li vive così, con nonchalance, che è la sua dote migliore, insieme a un’ironia che ce la fa incoronare anche come la più simpatica.

Maria Antonietta: equilibrata sì, anche saggia, e carina davvero. Però un po’ noiosetta. Eppure anche lei, una volta fuori dalla casa, ha buttato alle ortiche il cuore pieno di gonfi sentimenti e ha tirato fuori le palle. L’abbiamo vista grintosa, tenere testa alla Grande Bignarda che voleva sapere di lei, della sua attrazione confessata per Rocco, del suo fidanzato mandato in cavalleria. La pittrice sarda non si è fatta intimidire né corrompere. Una volta l’abbiamo vista incazzata dentro la casa: una piccola tigre, altro che buoni sentimenti…

Rocco: un tormentone: gay o non gay? Alla fine: chissenefrega. Una cosa è certa: tra lui e Pietro c’è il grande gelo. Amici di qua, amici di là, una capatina nel letto dell’altro, e poi pluff! Tutto è svanito. Cos’è stato? Qualcuno mai glielo chiederà? Nel frattempo, nemmeno Platinette è riuscita ad avere un ‘coming out‘ completo dall’ambiguo Rocco, che fuori e dentro la casa ha il vizio di parlare un po’ troppo, e talvolta a sproposito.

Pietro: fregato da due donne. Prima Marina, che l’ha cotto a fuoco lento e poi l’ha lasciato a bocca asciutta. Poi Cristina, che a forza di fare la romantica e la sua ‘preda’, alla fine gli ha soffiato la vittoria. Del resto, nulla di nuovo: non sono sempre andati a finire così, i macho playboy? Giuste vittime delle donne.

Salvo: pare volesse fare il cantante. Ci si stupisce come abbiano potuto resistere, dentro la casa, alle sue canzoncine in inglese inventato. Vivaddio, ha ritrovato la sua Giusy, ma a lui va senz’altro la palma del più ‘pastrugnone’ dei dieci ragazzi. Salvo ha tastato, toccato, e ‘pastrugnato’ tutti: da Marina a Cristina, da Maria Antonietta a Rocco, senza dimenticare le mitiche tastate di culo che ha dato a Pietro.

Cristina: regina o bagnina? Ma sì, tutt’e due. Trionfa con lei il Grande Fratello del riscatto. Dopo essere stata nominata per ben tre volte, Cristina ce l’ha fatta. Ha superato, nelle preferenze degli italiani le snob e le buone, i furbi e gli ambigui, gli ottusi e gli intelligenti, i palestrati e le gattemorte. Perché, si sa, alla gente alla fine piacciono le cose semplici. Ma guai se prima non ne passano di tutti i colori.

Tutti i dieci piccoli indiani del Grande Fratello hanno dichiarato di volersi bene, di essere uniti, amici per sempre dopo cento giorni nella casa: vediamo come andrà giovedì prossimo, quando la Grande Bignarda li riunirà sotto la sua dolce ala tutti e dieci. Poi suonerà il gong dell’inizio: se ne diranno di tutti i colori, oppure trionferà un noiosissimo Grande Fratello Natalizio col cuore gonfio di buoni sentimenti?