Indagine: come fanno l’amore gay e lesbiche?

Al via la più estesa indagine statistica mai condotta in Italia sulla popolazione omosessuale, finanziata dall’Istituto superiore di sanità e condotta da Arcigay.

BOLOGNA – Al via la più estesa indagine statistica mai condotta in Italia sulla popolazione omosessuale. Finanziata dall’Istituto superiore di sanità e condotta da Arcigay, studierà per un anno la salute e la sessualità delle persone gay, lesbiche e bisessuali.

Saranno circa 100 i quesiti su salute e sessualità cui cercherà di dare risposta l’indagine “Survey nazionale su stato di salute, comportamenti protettivi e percezione del rischio Hiv nella popolazione omo-bisessuale”, che sta partendo in questi giorni.

Per cinque mesi migliaia di questionari, elaborati da un team scientifico di psicologi e sociologi, saranno distribuiti in tutto il territorio nazionale, anche grazie all’aiuto di decine di volontari. Il coordinamento scientifico del progetto è affidato a Raffaele Lelleri, sociologo e responsabile salute di Arcigay. L’obiettivo è raccogliere, entro metà settembre, un campione rappresentativo di 5000 questionari compilati. I precedenti studi quantitativi sulla popolazione gay e lesbica italiana si fermavano a circa 1000 o 2000 soggetti.

Il questionario, in due versioni, una per i maschi e l’altra per le femmine, sarà compilato autonomamente da ciascun partecipante. I canali e le tecniche di somministrazione del questionario saranno molto diversificati, e calibrati al fine di garantire la rappresentatività statistica dei risultati.

L’indagine si concluderà con un report scientifico, un convegno nazionale previsto per il 1° dicembre 2005, giornata mondiale per la lotta all’Aids, e una brochure divulgativa sugli esiti della ricerca. Il questionario è disponibile anche on-line sul sito web ufficiale dell’indagine www.modidi.net.

Storie

Iginio Massari, cremini arcobaleno per tutti gli amori

Nuova creazione da parte del celebre pasticcere, che ha così voluto celebrare l'amore LGBT.

di Federico Boni