Inizia l’Onda Pride 2015: oggi a Verona, Benevento e Pavia

Prime tre tappe dell’Onda Pride: l’orgoglio lgbt scende in piazza nel nome dei diritti.

Sono Benevento, Pavia e Verona le tre città da cui oggi prende il via l’Onda Pride , la grande mobilitazione nazionale dell’orgoglio lgbti che tra giugno e luglio attraverserà tutto lo Stivale. “È tempo di riportare in piazza l’orgoglio – dice Flavio Romani, presidente di Arcigay – di suonare ancora una volta, ostinatamente, la sveglia a un Parlamento e a un Governo che ancora non sono in grado di riconoscere le vite, i bisogni e le relazioni delle persone gay, lesbiche, bisessuali, transessuali e intersessuali. È tempo di tornare nelle piazze per stabilire il primato delle nostre libertà su chi semina paure e divisioni, per rimettere al centro del dibattito pubblico la bellezza delle nostre esistenze autodeterminate, continuamente forzate, offese e distorte dalla malapolitica e dalla malainformazione”. “Eccoci tutte e tutti a mettere in mostra la nostra fierezza – continua Romani -, che è precondizione indispensabile di qualsiasi felicità, a dispetto di chi ci vorrebbe “correggere” o addirittura “curare”, cavalcando in realtà l’opportunità di truffare i più ingenui, estorcendo denaro con la benedizione della Chiesa e di chi ci governa”.

“Partiamo da tre piazze per riempirle tutte, per chiamare da ogni angolo la gente a sfilare con noi. Dobbiamo pretendere di più – conclude il presidente di Arcigay -, meritiamo un Paese migliore: scendere in piazza, domani come in tutti gli appuntamenti di quest’Onda Pride, vuol dire andarselo a conquistare”.

I quindici Pride in programma sono caratterizzati dalla campagna nazionale sul sito dell’Onda Pride.

LEGGI ANCHE

Storie

Trieste Pride 2019, il consigliere Tuiach attacca: ‘spostarlo in luogo...

La mozione urgente è stata presentata dal consigliere comunale Tuiach, passato da Forza Nuova al gruppo Misto.

di Alessandro Bovo | 25 Gennaio 2019

Storie

Friuli Venezia Giulia, il gay pride arriva a Trieste

Forza Nuova annuncia una contro-manifestazione. Nel 2017, a Udine, gli omofobi speravano "in un lanciafiamme".

di Alessandro Bovo | 24 Gennaio 2019