Insulti omofobi al congresso del PD: Froci! contro i dissidenti

di

Dovevano eleggere il segretario di sezione. Ma nel circolo PD di Casalbetone hanno finito per lanciarsi insulti, anche omofobi. Nel mirino un gay dichiarato del PD Rainbow.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
3540 0

“Froci”, “fascisti”. Il congresso del circolo PD di Casalbertone di domenica scorsa è finito così, a insulti, anche omofobi. Sono stati gli stessi democratici chiamati ad eleggere il segretario della sezione e i delegati al congresso a raccontare la vicenda su Facebook.

Lo scontro è stato tutto interno tra i seguaci di Gianni Cuperlo che si erano divisi tra i sostenitori di Lionello Cosentino (60 anni ex assessore regionale, ex senatore vicino al guru romano Goffredo Bettini) e Tommaso Giuntella (30 anni, bersaniano doc). Alla fine della concitata giornata ha vinto Carlotta Paoluzzi (sostenuta da Giuntella) con 67 voti contro i 63 di Domenico Perna (sostenuto da Cosentino).

Dopo solo mezz’ora, però, i Giovani Democratici del Tiburtino hanno replicato: “Diccelo tu, Tony per chi dovemo votà! Quanti soldi j’avete dato a quelli di Casapound – una sezione del movimento di estrema destra è proprio lì vicino – per venire a votare in sezione? La foto con Berlinguer c’hai! ma vergognati zozzo! Fascista tua madre!”. Cuzzo a quel punto non ci ha visto più e non ha trovato di meglio che replicare: “Voi pure i froci che un c… votano Carlotta miss de sto … ma non passerete a Casalbertone mantenuti da mister frega la neo eletta in parlamento ed assessore per spirito santo…”. Una sequela di insulti con “bersagli precisi”: Simone Barbieri, omosessuale, di Pd Rainbow, la Paoluzzi e Maria Muto, un ex assessore del municipio.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...