Intervista a Christian, il ragazzo gay toscano preso a sassate ieri

di

Ci ha messo la voce e la faccia ed ha fatto denuncia. E' successo a Castelfiorentino ieri.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
12719 0

“Ieri sera come tutte le sere tornavo dal lavoro a casa col treno ed ho notato un gruppetto di ragazzi seduto su una panchina”. Inizia così il racconto di Christian, 27 anni, di Castelfiorentino, in Toscana. La voce è decisa: Christian è stato risoluto nel denunciare l’aggressione prima su Facebook, poi parlandone col Sindaco della sua città, Alessio Falorni, poi recandosi l’indomani alla stazione dei Carabinieri per sporgere denuncia contro ignoti ed infine accettando di metterci la faccia e la voce in questa intervista. In tutto questo, Christian è stato giocoforza “costretto” a fare coming out stamani mattina con sua madre, perché il clamore in paese per il suo post su Facebook rendeva ormai impossibile non farlo. Una storia come tante, purtroppo, in questo dannato paese dove l’omofobia è ancora quotidiana: ma una storia vissuta a testa alta e che per questo motivo ci piace raccontare più di altre.

Ecco l’intervista completa a Christian.

La storia è purtroppo nota . I ragazzi che prima lo importunano dandogli del “finocchio” e amenità del genere, prendono dei sassi dalla ferrovia e glieli lanciano contro. Fortunatamente lui riesce a scappare, avvertendo telefonicamente prima i carabinieri dell’accaduto e poi sfogando la sua comprensibile rabbia su Facebok. Il suo post fa in poche ore il giro del paese tanto che il Sindaco, Alessio Falorni, lo chiama in serata e si rende disponibile ad accompagnarlo l’indomani alla stazione dei Carabinieri, per sporgere denuncia: una sensibilità importante quella del primo cittadino di Castelfiorentino, che sarebbe bello poter registrare in ogni angolo d’Italia. Ma, come ben sappiamo, quasi mai è sempre così, quasi mai trovi le Istituzioni al tuo fianco.

In tutto questo Christian ha dovuto fare coming out con sua madre, perché il clamore della sua vicenda non poteva più essere nascosto. Ciò nonostante, nonostante l’intensissima giornata che ha vissuto, Christian è sereno nel dirci: “c’è necessità e bisogno che chiunque subisca qualunque tipo di violenza o bullismo denunci“, dichiara con chiarezza.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   Adam Rippon vittima di omofobia a New York
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...