Intolleranze: gay umanisti sotto attacco religioso

di

In Inghilterra si sta per tenere l’annuale meeting di un’associazione gay-lesbica umanista, tra le proteste e lo scontento di un’associazione religiosa cristiana.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
931 0

CANTERBURY – Non solo non sono credenti, ma non sono neanche eterosessuali! La rabbrividente doppia caratteristica, peraltro assolutamente legittima, deve aver tolto il sonno ai membri di un gruppo cristiano che si è scagliato conto l’annuale meeting della Gay and Lesbian Humanist Association (GALHA) in programma a Canterbury in Inghilterra dall’8 all’11 settembre. L’associazione degli omosessuali umanisti, fondata nel 1979, è una delle più vecchie organizzazioni GLBT (Gay, Lesbiche, Bisessuali e Transgender) del Regno Unito e ogni anno organizza una convention che si tiene sempre in una città diversa. Quest’anno è toccato a Canterbury e la locale Christian Family & Youth Concern Fellowship (Compagnia Cristiana preoccupata su famiglia & gioventù), evidentemente a corto di cose buone e utili da fare, ha scritto una lettera aperta all’hotel che ospiterà il convegno, facendo notare che avrebbero «ospitato una insalubre conferenza» e che la GALHA «promuove la devianza sessuale e il paganesimo». La Compagnia crociata ritiene che tutto ciò sia «altamente inappropriato per la città della cattedrale» e annuncia una sonora protesta fuori dal centro conferenze a base «di canti d’inni sacri e lettura di passi della Bibbia» per pregare per «quelle anime sperdute». Il tutto nella speranza «che possa il Signore riportarli sulla retta via».
Le “anime sperdute” della GALHA per la verità non sono particolarmente propense a lasciare decidere ad altri se e come e dove potersi radunare, e rispondono tramite il portavoce Terry Anderson: «Questa gente ha davvero difficoltà a “digerire” i gay, soprattutto quelli che non credono in Dio. Dal canto nostro ci guardiamo bene dal promuovere alcuna devianza sessuale, il nostro scopo è quello di proporre un approccio umanistico razionale e gay friendly al tema delle relazioni omosessuali, il che è in netto contrasto con quello basato sulla bibbia che le chiese cristiane adottano. Inoltre promuoviamo i diritti dei gay in quanto diritti umani e certamente non sottoscriviamo nessun punto di vista pagano in quanto totalmente incompatibile con l’umanesimo.» Il segretario dell’associazione GLBT umanista, George Broadhead, non commenta le ridicole proteste della Compagnia Cristiana e preferisce parlare d’altro, rivelando che «I nostri week end d’incontro annuali sono sempre molto popolari e siamo particolarmente soddisfatti di essere in una città storica come Canterbury. Tra gli eventi in programma abbiamo un tour guidato alla città, un’escursione al castello di Dover e una presentazione all’hotel riguardante Marlene Dietrich, grande icona gay che era atea e ha avuto relazioni lesbiche
La maggior parte delle religioni, comprese il Cristianesimo, il Giudaismo Ortodosso e l’Islam, derivano le loro etiche e morali da vecchissimi libri “sacri” mentre il moderno umanesimo laico ha un approccio all’omosessualità di tipo illuministico e razionale, accettando la validità dello stile di vita gay e lesbico e dando pieno supporto alle lotte per i pari diritti civili di gay e lesbiche. Il sito della GALHA è: http://www.galha.org/
(Roberto Taddeucci)

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   Depressione e autolesionismo nelle persone LGBT
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...