Quando Adinolfi scrisse sulla legge Cirinnà: bisognerebbe prendere i fucili

A mezzo Twitter il cordoglio insopportabilmente di circostanza di uno dei grandi fomentatori dell’odio omofobico.

Non è questo il tempo per le polemiche ma Adinolfi ha perso, come al solito, un’occasione per tacere. Questa volta in modo spudorato e ipocrita.

IMG_8118

Il grande fomentatore dell’odio omofobico ha twittato poco fa il suo cordoglio di circostanza, fuori luogo, inutile e anzi doloroso. Come se atti come questi non fossero l’esito, alla lunga inevitabile, di un’intolleranza spietata, autocentrata, insopportabile. Di quell’intolleranza a cui Adinolfi spinge tutti quelli che danno malauguratamente ascolto ai suoi deliri. Adinolfi soltanto qualche mese fa scrisse a proposito della Legge Cirinnà: “bisognerebbe prendere i fucili”.

I fucili sono stati presi, Mario, hai visto?

 

Ti suggeriamo anche  Polonia sempre più omofoba: vietato il riconoscimento dei figli delle coppie gay