Iran: dove gli omosessuali si “curano” con un’operazione chirurgica

La fuga verso un altro paese, l’intervento o l’impiccagione: così vivono i gay in Iran.

L’orrore dell’omofobia di stato prende il volto dell’Iran, dove, secondo quanto racconta oggi la BBC, i gay vengono “curati” con interventi chirurgici. In sostanza, costretti a sottoporsi ad un’operazione per la riassegnazione del genere, con la differenza che non sono trans, ma gay o lesbiche. Dopo, li aspetta una vita d’inferno e, per molti, il suicidio. L’operazione, di fatto, è l’unico modo per sfuggire alla pena di morte, inflitta a chi vive la propria omosessualità o è anche solo sospettato di essere gay. Perché l’unica cosa accettabile, per lo stato islamico, è che una persona si senta intrappolata in un corpo che non sente suo. In questa categoria, secondo le gerarchie musulmane iraniane, rientrano anche gli omosessuali.

A spingere le persone omosessuali all’operazione, sono gli psicologi che convincono gay e lesbiche di essere malati e di avere bisogno, quindi, di una cura, che passa dal bisturi, con la promessa di nuovi documenti e anche di soldi per cominciare una nuova vita.

“Le autorità religiose non fanno differenza tra orientamento sessuale e identità di genere” ha spiegato una psicologa iraniana, sotto falso nome, alla BBC.

Khabaronline, un’organizzazione filogovernativa, ha spiegato alla BBC che il numero di interventi è passato dai 170 del 2006 ai 370 del 2010, ma un medico ha confermato di avere eseguito, lui soltanto, 200 interventi l’anno.

Ti suggeriamo anche  Usa, repubblicani presentano legge per ridefinire le unioni gay come 'parodia di un matrimonio'

Molti sono i gay e le lesbiche che scappano dall’Iran verso la Turchia, dove agli iraniani non è richiesto visto d’ingresso. Da lì scappano verso l’Europa o il Canada, dove chiedono asilo politico. Arsham Parsi è uno di loro, scappato in Turchia e poi in Canada, da dove tramite l’associazione Iranian Railroad for Queer Refugees, dal 2005 ad ora, ha aiutato più di 1000 persone a scappare.

Secondo Parsi, il 45% delle persone che sono state sottoposte ad intervento, non sono trans, ma gay. “Quando hai 16 anni e ti dicono che sei nel corpo sbagliato – ha raccontato Parsi al network britannico -, pensi: ‘Finalmente ho scoperto cosa c’è di sbagliato in me’. Una ragazza mi ha chiamato dall’Iran e le ho chiesto se fosse lesbica o trans. Non ha risposto perché nessuno le aveva mai detto cosa fosse una lesbica”.

“Si sta consumando una violazione dei diritti umani – denuncia la psicologa -. Quello che mi rattrista, è che le organizzazioni che dovrebbero avere scopi terapeutici o umanitari, stanno dalla parte del governo, invece che prendersi cura delle persone”.