Iran: impiccati due fratelli gay

Ennesima impiccagione pubblica di due gay in Iran. Si tratta di due fratelli accusati di stupro sodomita – la motivazione di solito usata dal regime per colpire i gay – nei confronti di un 17enne.

Inizia col sangue e la repressione il 2013 dei gay iraniani. Due fratelli, di 21 e 24 anni, sono stati impiccati nella pubblica piazza nella città di Shahr-e-Kord, nell’Ovest del paese. L’accusa, per i due, è stata di stupro sodomita nei confronti di un ragazzo diciasettenne. A riferilo è l’agenzia Mehrnews. L’accusa di violenze sodomite è quella usata solitamente dal regime per colpire con la pena di morte i ragazzi omosessuali. L’esecuzione è avvenuta il 5 gennaio.