Irlanda, disegno di legge per mandare in galera chi applica le terapie riparative

Questi trattamenti millantano di poter curare le persone dall’omosessualità.

Irlanda, mano pesante contro i ciarlatani delle terapie riparative: al vaglio la legge più severa al mondo.

In Irlanda c’è una proposta di legge che prevede il divieto di praticare le terapie riparative, nonché multe e pene detentive per chi dovesse offrire questo tipo di trattamenti. Il ddl ha già superato i primi due passi del processo legislativo irlandese.

Le terapie di conversione, sostenute in diverse parti del mondo dai gruppi religiosi integralisti con il supporto di alcuni terapeuti, sono già state dichiarate antiscientifiche dalla comunità medica. Una ciarlataneria che ancora oggi è particolarmente diffusa in Paesi quali il Brasile e la Cina.

Anche negli Stati Uniti, nonostante crescano il numero degli stati che le hanno proibite, le terapie riparative interessano ancora decine di migliaia di adolescenti.

Dall’isola di smeraldo il senatore Fintan Warfield ha dichiarato che Il progetto di legge ha una dimensione internazionale, perché manda un messaggio di solidarietà in Brasile e ovunque questo tipo di trattamenti siano praticati. L’Irlanda può diventare una torcia di speranza per gli oppressi”.

“Sarebbe il divieto delle terapie riparative più esteso al mondo – ha proseguito il senatore a GCN.ieProibisce ad ogni persona di offrire o effettuare trattamenti di questo di genere, nonché trasferire una persona in un altro stato per poterle somministrare queste terapie”.

Ti suggeriamo anche  Sapienza, settimana rainbow con festival LGBTQ+ e primo Pride universitario