ISIS: quindicenne buttato giù da un palazzo perché gay

di

E' successo ieri a Deir ez-Zor, una città della Siria orientale.

CONDIVIDI
11 Condivisioni Facebook 11 Twitter Google WhatsApp
7648 1

Militanti dello Stato Islamico (ISIS) hanno eseguito una condanna a morte nei confronti di un ragazzo quindicenne gettandolo da un tetto di un palazzo in una città della Siria orientale, Deir ez-Zor, perché sospettato di essere gay. Lo riferisce Ara News, una agenzia siriana di informazione indipendente.

Il ragazzo quindicenne è stato arrestato dai militanti ISIS con l’accusa di omosessualità. “L’esecuzione è stata orribile ed è avvenuta venerdì davanti a una grande folla“, ha dichiarato a Ara News un testimone oculare della brutale esecuzione. Il ragazzo era stato catturato “nella casa di un leader ISIS” giovedì 31 dicembre. Il ragazzo è infatti stato accusato di essere impegnato in una relazione omosessuale con un importante ufficiale dell’ISIS, Abu Zaid al-Jazrawi. Mentre il ragazzo è stato condannato a morte, Abu Zaid è stato inviato sul fronte iracheno. “Abu Zaid è stato costretto a lasciare la Siria e unirsi ai fronti di combattimento nel nord-ovest dell’Iraq. La decisione è stata presa dalla dirigenza ISIS “, ha detto la fonte. Pare che la Corte della Sharia a Deir ez-Zor avesse chiesto la condanna a morte anche di Abu Zaid per essere omosessuale, ma i comandanti dell’ISIS hanno insistito per espellerlo e spedirlo in Iraq,

Il gruppo estremista ha eseguito decine di uomini presunti omosessuali nelle aree del controllo in Siria e Iraq negli ultimi mesi, che abbiamo più volte documentato. Recentemente abbiamo poi pubblicato un reportage dell’Associated Press sulla storia di tre ragazzi gay fuggiti da morte sicura per mano dell’ISIS.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   Diritti Umani, Paola Binetti eletta vicepresidente: Comparò l'omosessualità alla pedofilia
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...