ISIS: quindicenne buttato giù da un palazzo perché gay

E’ successo ieri a Deir ez-Zor, una città della Siria orientale.

Militanti dello Stato Islamico (ISIS) hanno eseguito una condanna a morte nei confronti di un ragazzo quindicenne gettandolo da un tetto di un palazzo in una città della Siria orientale, Deir ez-Zor, perché sospettato di essere gay. Lo riferisce Ara News, una agenzia siriana di informazione indipendente.

Il ragazzo quindicenne è stato arrestato dai militanti ISIS con l’accusa di omosessualità. “L’esecuzione è stata orribile ed è avvenuta venerdì davanti a una grande folla“, ha dichiarato a Ara News un testimone oculare della brutale esecuzione. Il ragazzo era stato catturato “nella casa di un leader ISIS” giovedì 31 dicembre. Il ragazzo è infatti stato accusato di essere impegnato in una relazione omosessuale con un importante ufficiale dell’ISIS, Abu Zaid al-Jazrawi. Mentre il ragazzo è stato condannato a morte, Abu Zaid è stato inviato sul fronte iracheno. “Abu Zaid è stato costretto a lasciare la Siria e unirsi ai fronti di combattimento nel nord-ovest dell’Iraq. La decisione è stata presa dalla dirigenza ISIS “, ha detto la fonte. Pare che la Corte della Sharia a Deir ez-Zor avesse chiesto la condanna a morte anche di Abu Zaid per essere omosessuale, ma i comandanti dell’ISIS hanno insistito per espellerlo e spedirlo in Iraq,

Storie

Sono fidanzato ma non riesco a fare coming out, cosa posso fare?

Ci scrive Lorenzo, 28 anni: per Chiedi allo Psicologo, la nuova rubrica di Gay.it, oggi parliamo di coming out in famiglia.

di Dottor Andrea Perdichizzi