Istanbul: il Trans Pride si unisce alle proteste di Gezi Park

L’annuale parata per l’orgoglio trans, giunta alla sua quarta edizione, si è unita al movimento di Piazza Taksim, nato per difendere Gezi Park e diventato simbolo di lotta per la democrazia.

Anche l’annuale Trans Pride, giunto alla sua quarta edizione, si è unito alle proteste di Gezi Park ad Istanbul. Al grido di “Taksim è ovunque, la resistenza è ovunque” il movimento trans turco ha manifestato per i propri diritti e la propria dignità unendo le proprie richieste a quelle di democrazia e libertà del movimento che ha ormai in piazza Taksim e nella difesa del verde di Gezi Park il suo simbolo.

In realtà, la comunità lgbt turca è stata presente nelle proteste turche fin dall’inizio.

La parata si è svolta senza le autorizzazioni dovute, ma ai manifestanti si sono uniti due deputati del partito repubblicano e una nota attrice turca che hanno, con la loro presenza, reso certamente più difficile per la polizia attaccare e reprimere il corteo.

Uno dei due deputati, tra l’altro, Binnaz Toprak, è noto per aver proposto un’inchiesta sulla discriminazione contro le persone lgbt inTurchia, per la quale è stato duramente attaccato dal partito islamista del premier Erdoan.

Istanbul sarà teatro domenica prossima anche di un altro Pride che chiude la Pride Week. Amnesty International ha già lanciato l’allarme e rivolto un appello al governo perché non cerchi di fermare la marcia del popolo lgbt. Ma il governo ha già fatto sapere che non tollererà la parata.