Italiano sposo ad Amsterdam

Italiano sposerà il suo compagno ad Amsterdam. Ma in Italia la loro unione non avrà nessun valore. Grillini: «Sono sempre di più i connazionali costretti ad emigrare per avere diritti».

Fausto Schermi, un dirigente comunale di Fano, e il suo compagno olandese Elvin Van Dijk hanno annunciato in diretta, durante un programma radiofonico, che il 16 agosto convoleranno a nozze in Olanda, dopo 21 anni di fidanzamento.

Il matrimonio (valido solo in Olanda) verrà celebrato a Schiedam. Trecento gli invitati. Schermi è responsabile dei Servizi educativi, Van Dijk maestro e animatore didattico. «Non possiamo non riflettere – commenta Franco Grillini, direttore di Gaynews – sulla condizione di moltissimi italiani e italiane che, per garantire i loro diritti, devono emigrare all’estero perché l’Italia è praticamente priva di una adeguata legislazione».

Ben diversa la situazione in Europa: «Sono 22 su 27 i paesi europei – continua Grillini – che in vario modo hanno approvato norme che consentono di riconoscere le relazioni omosessuali. In Europa sono ormai decine e decine di migliaia le coppie gay che hanno utilizzato le legislazioni nazionali in materia. Si pensi al caso clamoroso della Francia, dove il PaCS sta raggiungendo nei numeri le celebrazioni del matrimonio tradizionale».

Non è la prima volta che un cittadino italiano sposa un olandese. Il primo fu Pierangelo Bucci (in foto), 29 anni, originario di Roma, che sposò il suo compagno Jaco Rozendaal a Rotterdam.

LEGGI ANCHE

Storie

Olanda apre alla maternità surrogata per le coppie gay

In Olanda, le richieste di avere un bambino tramite maternità surrogata aumentano di anno in anno.

di Alessandro Bovo | 13 Novembre 2018

Storie

Russia: prima coppia gay “obbligata” a fuggire dal Paese

Attacchi sia dai cittadini russi che da membri conservatori del Parlamento.

di Alessandro Bovo | 17 Settembre 2018

Storie

Urlano “fr*ci” e aggrediscono una coppia gay, ma per il...

L'episodio aveva causato manifestazioni in tutto il Paese, ma a quanto pare non sono servite.

di Gianluca Pellizzoni | 11 Aprile 2018