Jair M. Bolsonaro e l’ossessione per i gay che gli si ritorce contro: “Cos’è la doccia dorata?”

L’omofobo presidente del Brasile travolto dalle critiche per aver pubblicato un video dal Carnevale, con due gay protagonisti.

Quanto accaduto negli ultimi giorni in Brasile ha davvero dell’incredibile, ed è forse paragonabile alla gogna mediatica che Matteo Salvini concede puntualmente a chi osa criticarlo.

Jair M. Bolsonaro, estremista presidente da poco eletto, ha infatti pubblicato sui social un video dal carnevale di Rio, in cui si vede un ragazzo urinare in testa ad un altro ragazzo, chiaramente consenziente. Non uno straordinario spettacolo, ma tra le strade brasiliane travolte dai festeggiamenti del carnevale si vede questo e altro.

“Non mi sento a mio agio a mostrarlo, ma dobbiamo esporre la verità alla popolazione in modo che la conosca e decida le proprie priorità. Questo è ciò in cui molti blocos de rua hanno trasformato in Carnevale brasiliano. Commentate e traete le nostre conclusioni”, ha cinguettato Bolsonaro ai suoi oltre 3 milioni e mezzo di follower.

Peccato che la ‘gogna’ nei confronti della comunità LGBT, da lui sperata, si sia tramutata in un boomerang. Centinaia di utenti e decine di giornalisti hanno infatti criticato Bolsonaro per aver pubblicato un video tanto osceno, anche perché visibile a tutti, minori compresi. Ma lui, il presidentissimo, non ha fatto un passo indietro, tanto da proseguire con una domanda che è presto diventata virale: “Cos’è la doccia dorata?”.

Ora, fosse stato un comico, un cantante, un personaggio dello show business o persino un rappresentante dell’opposizione, in questo mondo in cui la politica non conosce più limiti, la situazione non sarebbe probabilmente degenerata, ma in questo caso si parla del Presidente del Brasile, che come un qualsiasi populista sovranista al potere, chiamare Donald Trump e Matteo Salvini, twitta senza cognizione di causa, con l’unico esplicito obiettivo di suscitare clamore, chiacchiericcio, insopportabile provocazione.