John Smid, parla l’ex terapeuta che ‘guariva’ i gay: “Tanti di quei ragazzi si sono suicidati”

Per 22 anni ha portato avanti atroci ‘terapie riparative’, prima di fare coming out, sposare un uomo. E ora mea culpa in tv.

John Smid ha contribuito a far nascere e crescere una delle più grandi organizzazioni di ‘conversione cristiana’ d’America, la Love in Action, incoraggiando per 22 anni centinaia e centinaia di giovani omosessuali a ‘guarire’, ‘tornando’ eterosessuali.

Sette anni fa Smid ha lasciato Love in Action, facendo coming out. Sposato il compagno Larry McQueen, John ha ora rilasciato una lunga intervista a Sarah Abo per il programma tv 60 Minuti.

Come leader cristiani credevamo di avere l’autorità della Bibbia. Non abbiamo mai ammesso né preso coscienza di quanto sia profondamente dannoso lavorare con la psiche di qualcuno. Ho dovuto sopprimere i miei sentimenti omosessuali. Sembravo un alcolizzato che si teneva a distanza dai bar.

Dopo aver causato danni forse irreparabili a chissà quanti giovani, Smid ha intrapreso il percorso inverso, facendo informazione per rimarcare l’atrocità e la pericolosità delle cosiddette ‘terapie riparative’. Durante l’intervista, John ha rivelato di essere in contatto con centinaia di ex vittime dell’organizzazione.

Direi che ogni singolo  ragazzo con cui ho avuto contatti ha dovuto lottare con la depressione, nel corso degli anni, con profondi livelli di ansia. Le persone con cui ho parlato avevano molta rabbia e risentimento. Ci sono state persone che si sono persino suicidate a causa di quella disperazione.

Il coinvolgimento di Smid con Love in Action è sbarcato al cinema grazie a Boy Erased, adattamento cinematografico dell’omonimo libro di memorie del 2016 di Garrard Conley, con Nicole Kidman e Russell Crowe protagonisti.

Storie

Ricongiungimento familiare negato a coppia gay: cittadini di serie B anche ai tempi del Covid 19

Lontani da 3 mesi, a 2100 km di distanza, perché lo Stato non riconosce una coppia gay come famiglia che può riunirsi.

di Alessandro Bovo