L’attore/attrice Josie Totah di Glee si rivela: “Sono una donna transgender”

di

La decisione di iniziare il percorso di transizione dopo il docu-film I Am Jazz.

josie totah
CONDIVIDI
90 Condivisioni Facebook 90 Twitter Google WhatsApp
2997 0

J.J. Totah è un attore statunitense di 17 anni, celebre per le sue comparse in numerose serie tv e film, tra cui Glee (4 episodi nel 2015).

Negli ultimi giorni, con una lunga lettera inviata al Time, ha deciso di parlare apertamente di sé: non si identifica nel corpo maschile e intende affrontate il percorso di transizione. Per questo motivo ha deciso di cambiare leggermente il suo nome, identificandosi come Josie Totah. E soprattutto, definendosi come donna transgender.

Josie racconta che fin da piccola i suoi amici e le altre persone la avevano già identificata come un bambino omosessuale perché preferiva stare insieme alle sue compagne di classe piuttosto che giocare a calcio con gli amici maschi. Per anni, anche dopo alcune comparse come attrice in alcune serie tv, è stato per tutti un ragazzo gay, e ha ricevuto anche un premio da parte di un’associazione per i diritti LGBT+. Non si riconosceva come maschio, ma non sapeva ancora come definirsi. Aveva paura di confessare questo disagio per la vergogna, l’imbarazzo e per aver paura di perdere tutti i suoi fan, in particolari ragazzi molto giovani e adolescenti.

La decisione di Josie Totah di rivelarsi come donna transgender

Nonostante si sentisse una ragazza fin dai 5 anni, Josie ha realizzato la sua condizione a 14 anni, e ha deciso di informarsi riguardo la transizione per il cambio di sesso. La spinta decisiva è stato lo spettacolo I Am Jazz (che racconta la storia di una donna trans): è stato proprio quello a convincerla a confessare tutto alla madre, la quale non ha potuto far altro che sostenere la decisione della figlia, rivolgendosi a un medico specializzato.

Josie confessa di aver avuto e avere ancora paura. Paura di svegliarsi con un filo di barba, di sentire la sua voce più bassa, di notare sviluppi nelle parti intime. Oltre alla paura di essere discriminata per la differenza tra il suo genere e la sua carta d’identità. Le questioni mediche però stanno andando bene: il blocco ormonale sta funzionando, e nei prossimi anni potrà procedere anche con il percorso chirurgico.

È sempre convinta inoltre di continuare la sua carriera di attrice, iniziata già quando aveva 10 anni, oltre a frequentare il college.

Credits: Ew.com

Leggi   Starbucks pagherà tutti gli interventi chirurgici necessari ai dipendenti trans
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...