Kim Kardashian e la maternità surrogata: “Amerò mia figlia allo stesso modo?”

“Non avere il bambino nella pancia è frustrante e non voglio diventare l’ossessione della madre surrogata”.

Kim Kardashian, 37 anni, avrà il suo terzo figlio tramite maternità surrogata.

Kim Kardashian, già madre di Saint (2 anni) e North (4 anni), viene da due gravidanze complicate: soffre infatti di placenta accreta, un’anomalia nello sviluppo della placenta che può comportare problemi durante i nove mesi e gravi emorragie dopo il parto. Il suo sogno di creare una famiglia numerosa, però, non è venuto meno e così l’ereditiera ha deciso di ricorrere alla maternità surrogata.

In una puntata del reality di famiglia Keeping Up with the Kardashians, la regina televisiva americana ha ricostruito la vicenda: tutto è cominciato a novembre 2016, dopo il monito lanciato da due specialisti di Los Angeles. “Se due medici di cui mi fido mi dicono che non è sicuro rimanere di nuovo incinta, io devo ascoltarli. Anche se non conoscevo nessuno che avesse fatto ricorso alla maternità surrogata”.

La sorella Kourtney le ha presentato l’amica Natalie, mamma di due figli (uno avuto naturalmente, uno tramite maternità surrogata). Ma questo non è bastato per dissipare tutti i dubbi: “Mi preoccupa aver dato alla luce due bambini, aver sopportato tutto quel dolore insieme a loro. In quel momento senti tutto il tuo amore, sono vicini al tuo cuore e dentro di te. Il mio legame con i miei figli è fortissimo, così la mia grande paura è questa: se ricorressi alla maternità surrogata, amerei poi il bambino allo stesso modo?”.

Ti suggeriamo anche  Gpa, femministe e Arcilesbica contro la Rai: "Michela Murgia fa spot a favore"

Poi il cambio di rotta e, nel giugno 2017, la notizia ufficiale: la coppia ha scelto a chi affidarsi. L’identità della madre surrogata non è mai stata rivelata, ma Kim ci tiene a ringraziarla pubblicamente: “Una persona normale che potrebbe non sopportare il peso dei riflettori. Sono grata per le possibilità che ci vengono offerte ai nostri giorni e grata per aver trovato una donna così altruista e disposta a fare ciò”.

Poi chiosa: “Trovo frustrante non avere il mio bambino nella pancia. È la dinamica a essere strana. Vado a tutti gli appuntamenti dal dottore e provo a essere presente, ma quando non sei tu a essere incinta devi provare a fare di tutto per essere presente nelle loro vite ed è un equilibrio davvero sottile. Voglio essere tenuta al corrente su tutto ciò che riguarda il mio bebè, ma mi fido della madre surrogata e non voglio diventare la sua ossessione”.

La terzogenita di Kim Kardashian nascerà nei primi mesi del 2018.