L’Agedo incontra il sindaco di Padova

Il 25 giugno scorso, Paola Dall’Orto, presidente dell’Agedo, ha incontrato la sindaco Giustina Destro, e invita a dimenticare le polemiche. A Padova nascerà una sede Agedo.

PADOVA – Il 25 giugno scorso, Paola Dall’Orto, presidente dell’Agedo, Associazione di Genitori di Omosesuali, in seguito a accordi presi prima del Pride di Padova, ha incontrato la sindaco Giustina Destro, che durante le settimane precedenti la manifestazione nazionale svoltasi nella sua città, aveva tenuto un atteggiamento che gli organizzatori avevano interpretato come contrario allo spirito di collaborazione.

Paola Dall’Orto riferisce che «la Signora Giustina Destro asserisce di essere stata fraintesa e che tutta la diatriba è stata strumentalizzata politicamente».

L’incontro si è svolto nei locali del Comune, alla presenza di un sacerdote, dell’assessore agli affari sociali, ex campione olimpionico di scherma, e del Prof Rao, presidente dell’ASL che si occupa della preparazione di formatori che sappiano introdurre l’argomento della sessualità e dell’affettività nelle scuole. «Il prof. Rao – riferisce ancora la presidente dell’Agedo – ha detto che cercherà, in futuro, di introdurre anche la tematica omosessuale: a tale scopo ho proposto un incontro con la Dott.ssa Maurizia Bordin che si occupa già da tempo di formazione all’Asl di Asolo e che organizza corsi attraverso il "Laboratorio delle differenze"».

Secondo Paola Dall’Orto, il dialogo con la sindaco «è stato molto interessante, anche se talvolta trapelavano paure e limitata conoscenza della realtà omosessuale». La signora Destro ha mostrato molto interesse per un futuro sviluppo dell’incontro con la fondazione di una sezione dell’AGEDO anche a Padova. La nuova sede verrà quasi sicuramente concessa dall’ARCI».

Ti suggeriamo anche  Seth Owen, il 18enne gay cacciato di casa che andrà al college

«Dobbiamo dimenticare tutte le diatribe precedenti, dolorose per entrambe le parti – sostiene la Dall’Orto – e riaprire un dialogo costruttivo: la nuova sezione dell’ Agedo nascerà in autunno, ma in precedenza ci sarà un ulteriore incontro con il sindaco per organizzare il lavoro».

La nuova sede nascerà grazie all’impegno di una mamma che inizierà, per ora da sola, questa importantissima iniziativa, aiutata dalla collaborazione con il comune e con i giovani dell’Arcigay locale.