La Lombardia nega finanziamenti al cinema gay

Il Festival del Cinema Gay Lesbico e’ stato escluso dai finanziamenti regionali. La decisione e’ stata presa dalla Giunta senza passare attraverso il Consiglio Regionale.

MILANO – Il Festival del Cinema Gay Lesbico e’ stato escluso dai finanziamenti regionali. La decisione e’ stata presa dalla Giunta senza passare attraverso il Consiglio Regionale. Questa la denuncia avanzata dal gruppo regionale dei Radicali, secondo il quale "gia’ due anni fa la Lega aveva tentato di ottenere analogo risultato, ma il finanziamento era stato ridato approvando in Consiglio un emendamento radicale".

"Siamo contro ogni finanziamento ai film, cinema e festival vari – sostiene il consigliere radicale Yasha Reibman -. Ma la decisione di escludere il festival Gay Lesbico appare discriminatoria. Il Festival infatti e’di altissimo livello culturale, come testimoniato dal riconoscimento delle Istituzioni nazionali e degli Istituti di cultura straniera in Italia, quali Goethe Institute, Ambasciata del Canada, British Council. La Regione inoltre finanzia eventi di ogni livello e tipo, ma decide proprio di escludere questo festival. Se ne discuta in Consiglio e si ripari all’errore. Il Polo in Lombardia vuole ancora essere liberale?".

Ti suggeriamo anche  Guida TV tra film e serie LGBT, 17 marzo 2020: ecco cosa c’è da vedere
Storie

Partecipa a 4 Ristoranti con il compagno e viene sommerso dalle telefonate omofobe – la denuncia video

"Froc*o di mer*a" al telefono, più e più volte, con voci modificate e numeri anonimi. La denuncia social di Mariano Scognamiglio, visto a 4 Ristoranti, su Sky, insieme al compagno.

di Federico Boni