La politica corre sui siti web… di annunci

di

Nella campagna elettorale per il comune di Roma anche l'identità virtuale può servire ad arrivare più efficamente agli elettori. Capita così che Grillini si traformi in Trillini.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1508 0

In campagna elettorale l’onere per i candidati è doppio: veicolare un’immagine (la loro) e un contenuto (il programma che vogliano attuare). Mica semplice. Alcuni contano sull’uso degli elementi classici della comunicazione politica come volantini e manifesti, altri si distinguono per un modo totalmente innovativo di rivolgersi al proprio elettorato. Come Franco Grillini che la settimana scorsa ha usato un sito di incontri come Me2 per arrivare ai gay romani, e cioè gli elettori che più lo voteranno nella corsa a Sindaco della Capitale.

Trillini, questa l’identità virtuale dell’onorevole socialista, ha spedito più di 1000 messaggi agli iscritti nella città di Roma e ha ricevuto, ma il numero è destinato a crescere, 200 risposte, fra le più varie. Gli abbiamo chiesto di farcele vedere. C’è chi si è lamentato di aver ricevuto un appello troppo reale nella propria "vita" virtuale ("si ma non è possibile ke pure qui sulla chat rompete con ste elezioni"), e chi ha annunciato convintamente il proprio sostegno ("sai che hai sempre tutto il mio sostegno. Un saluto"). Chi ha espresso i propri sentimenti di antipolitica ("tanto siente tutti buffoni ke volete magna coi soldi nostri"; "ancora avete il coraggio di chiederci il voto?") a chi auspica una Roma migliore ("Spero solo che qualcosa possa muoversi realmente in questa città"; "bhe !! se ci riuscissi davvero a far diventare l’italia laica dopo 230 anni di tentativi falliti meriteresti una statua al posto di quella di Marco Aurelio.. In Bocca al Lupo caro Franco"). C’è chi ha chiesto un regalino di scambio ("fai anche le raccomandazioni televisive? se si, avrai il mio voto!"; "in cambio, che mi dai?") e chi ha avvertito ("caro Grillini conta pure sul mio voto a Roma e fatti valere. Se poi lo usi male… calci in culo e niente altro")

Da Trillini virtuale a Grillini reale non c’è comunque una grande differenza visto che l’onorevole paladino dei diritti gay non è nuovo a iniziative irrituali. La prima per queste elezioni è stata l’apertura della campagna nella discoteca più cool di Roma, il Muccassassina. L’ultima, ieri: una distribuzione di 100 mila preservativi «contro il virus clericale» dice lui. Al grido di "Goditi il tuo voto" è partito l’affondo agli sfidanti, Rutelli e Alemanno, minando la loro elezione al primo turno.

Qualunque sia il risultato che uscirà dalle urne una cosa è certa: Grillini non si sarà annoiato e probabilmente renderà movimentata anche l’elezione dei suoi avversari.

Leggi   Un week-end romano: i migliori hotel gay-friendly della Capitale
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...