La “settimana alternativa” a scuola per parlare di omofobia

Nell’ambito di alcune iniziative volute dagli studenti di un liceo di Cascina, si è svolto un incontro su omofobia e transfobia con Regina Satariano di Trans Genere e tre attivisti di Arcigay.

L’hanno voluta i ragazzi per parlare dei temi che di solito la scuola non affronta o che affronta in modo superficiale e, sicuramente, non come vorrebbero gli alunni. E’ la "settimana alternativa" che i ragazzi dell’IISS Antonio Pesenti di Cascina, in provincia di Pisa, hanno allestito per parlare di temi come l’omosessualità e l’omofobia.

Per questo proprio sabato scorso a parlare con loro raccontando la propria storia e la propria esperienza è arrivata Regina Satariano, responsabile del consultorio Transgenere di Torre del Lago e rappresentante dell’associazione Trans Genere, insieme a tra ragazzi di Arcigay Pisa e a Giacomo, Federico e Pietro e a don Francesco Fabrizio, parroco di Mezzana che si autodefinisce "prete di strada".

Il dibattito è stato serrato e i ragazzi si sono dimostrati molto interessanti a ciò che veniva detto, soprattutto alle esperienze e alle storie personali.  E non sono mancati gli spunti di riflessione e di approfondimento, come la questione legata alla possibilità per i gay di adottare bambini, opzione fortemente supportata dagli attivisti di Arcigay presenti, ma davanti alla quale qualche studente si è dimostrato scettico, facendo così nascere un importante scambio di opinioni.

«Di fronte alla prospettiva di avere un figlio – ha detto Regina in merito- personalmente ho fatto un passo indietro. Perché, data la mia condizione di transessuale, sarebbe cresciuto tra le difficoltà e le discriminazioni di un mondo ancora non pronto».

Ti suggeriamo anche  Mamma rifiuta la sua omosessualità, ragazza di Milano tenta il suicidio in metro

Anche don Fabrizio ha avuto di che dare conto ai suoi giovani interlocutori che, mettendolo alle strette, gli hanno esplicitamente chiesto quale fosse la sua posizione di uomo di chiesa rispetto alla questione delle persone lgbt.

Il parroco è stato un po’ evasivo nella risposta cosa che ha provocato qualche fischio da parte della platea.