La Spagna risarcisce i gay vittime del regime franchista

Un altro provvedimento del governo Zapatero a favore delle persone LGBT. Grillini: “Norme simili sono state approvate anche altrove. Mai in Italia”.

"In Spagna è stato adottato un altro provvedimento a favore dei diritti di omosessuali e lesbiche particolarmente rilevante sul piano simbolico: il risarcimento delle vittime gay della dittatura franchista", è quanto ha annunciato oggi in una stampa Franco Grillini, deputato Socialista. "In Europa vi erano già stati altri risarcimenti individuali a gay e lesbiche vittime del nazismo – ha continuato l’onorevole e presidente onorario di Arcigay -. L’unico paese che non si è mai posto questo problema è l’Italia, se non su sollecitazione delle associazioni omosessuali, e in particolare di Arcigay, ma senza successo. Dopo la legge spagnola è giunto il momento che anche da noi si risarciscano i confinati omosessuali dal fascismo italiano".

Furono alcune centinaia i gay  e le lesbiche che vennero deportati essenzialmente alle isole Tremiti. Per reprimere l’omosessualità non c’era solo il confino, ma il regime usava anche l’arma dell’ammonizione, del carcere, dell’internamento in manicomio e dell’allontanamento coatto dalla città d’origine. Sul tema sono stati girati film (Una giornata particolare di Ettore Scola), realizzati spettacoli teatrali (Bent) e scritti libri (La città e l’isola di Franco Goretti e Tommaso Giartosio e Il nemico dell’uomo nuovo di Lorenzo Benadusi).Nessun risarcimento è mai stato riconosciuto agli omosessuali nonostante una legge italiana riconosca esplicitamente gli indennizzi per i confinati e i deportati dal fascismo.

Ti suggeriamo anche  A Madrid apre la prima residenza pubblica del mondo per anziani LGBT

 

"Per sollevare l’attenzione verso questo problema – ha concluso Grillini – presenterò un emendamento alla finanziaria nel quale chiederò almeno mezzo milione di euro per le vittime omosessuali del fascismo".

Storie

Iginio Massari, cremini arcobaleno per tutti gli amori

Nuova creazione da parte del celebre pasticcere, che ha così voluto celebrare l'amore LGBT.

di Federico Boni