La Tasmania dice sì alle adozioni gay

di

Ultimo stato australiano a depenalizzare l'omosessualità, la Tasmania ha riconosciuto le unioni civili nel 2003 e adesso apre del tutto alle adozioni da parte di coppie gay.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
4211 0

Con dieci voti a favore e solo tre contrari la Tasmania, isola a sud dell’Australia, ha approvato una legge che consente alle coppie gay di adottare bambini. In realtà, i single gay potevano già adottare, mentre i partner di persone con figli potevano adottare i figli biologici dell’altro. L’unica cosa che mancava per rendere l’accesso alla genitorialità allo stesso modo sia a coppie etero che omosessuali era permettere l’adozione di figli non biologici. Adesso è possibile. La Tasmania è l’ultimo stato australiano ad avere decriminalizzato l’omosessualità nel 1997, ma è stato il primo a riconoscere le unioni civili nel 2003.

“E’ un giorno di orgoglio per la Tasmania, ha commentato il portavoce di Tasmanian Gay and Lesbian Right Group, Rodney Croome -, perché abbiamo rimosso l’ultimo vessillo di discriminazione contro le persone dello stesso sesso presente nelle leggi dello Stato”.

Sono altri tre gli stati australiani che permettono l’adozione di figli non biologici da parte di persone dello stesso sesso: Western Australia,Australian Capital Territory (ACT) e New South Wales.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...