Lady Gaga ci ripensa: niente contratto l’omofoba Target

di

Dopo un iniziale armistizio tra l'azienda, rea di avere finanziato campagne omofobe, e la pop star, Lady Gaga cambia idea e a poche ore dalla firma del contratto...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1225 0

Ricorderete che qualche giorno fa abbiamo riporato la notizia che Lady Gaga, per firmare un contratto, aveva preteso da una nota catena di grandi magazzini americani, Target, la rinuncia formale a tutti i finanziamenti a politici o organizzazioni che portano avanti camapgne contro i diirtti dei gay.

E sembrava che la Germanotta fosse riuscita nel suo intento, conquistando un altro punto a suo vantaggio agli occhi del suo folto pubblico lgbt.

E’ di queste ore, invece, la notizia che il contratto di esclusiva per la distribuzione di una edizione limitata di Born This Way nei negozi Target è saltato per volere della pop star. Non è chiaro quali siano le ragiuni ultime di questa decisione. Certo è che target aveva garantito un cambio di rotta rispetto alle questioni dei diritti lgbt. Forse le rassicurazioni non erano abbastanza credibili o forse la redenzione dell’azienda non era sufficiente ad evitare possibili polemiche da parte della comunità gay internazionale.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   Morgan McMichaels, drag di RuPaul si rompe una mano dopo aver preso a pugni un omofobo
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...