Las Vegas, cacciato dalla piscina perché ha un costume ‘troppo gay’ – il video è virale

di

Vietato nuotare e/o prendere il sole con gli speedo?

CONDIVIDI
279 Condivisioni Facebook 279 Twitter Google WhatsApp
12582 3

Chris Donohoe è un ragazzo dichiaratamente omosessuale che nei giorni scorsi è stato letteralmente ‘cacciato’ dalla piscina dell’Encore Beach Club di Las Vegas a causa di uno slip giallo.

Il ragazzo, che ha condiviso sui social il video in cui discute con la sicurezza i motivi del suo allontanamento, ha parlato di un gesto chiaramente omofobo.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

“Sono stato costretto a lasciare la piscina perché indossavo un costume da bagno che a loro dire non era consono. In altre parole, sono stato cacciato perché sono un omosessuale che indossava un costume da bagno un po’ troppo gay per essere tollerato al The Beach Club Encore di Las Vegas. Questa è omofobia. Sono rimasto sveglio tutta la notte perché turbato da quanto accaduto. Ho pianto tutta la notte. E’ assolutamente chiaro che le persone LGBT non sono le benvenute al Wynn Las Vegas”.

Da parte della struttura non sono arrivate repliche. Nell’attesa, sul sito ufficiale viene specificato come sia la direzione, e solo lei, a poter prendere simili decisioni. Tra le linee guida pubblicate on line, manca il divieto agli speedo per nuotare e/o prendere il sole.  E  allora per quale motivo allontanare il povero Chris?

Leggi   Pisa, aggressione omofoba a una coppia gay
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...