Latina, minacce di morte ad un ragazzo trans

di

Ancora un episodio di transfobia nel Lazio. Sempre più numerose le minacce di morte alle persone LGBT.

CONDIVIDI
437 Condivisioni Facebook 437 Twitter Google WhatsApp
3070 0

Ancora un episodio di transfobia, nel Lazio, a poche ore dal Pride di Ostia di sabato scorso.

A denunciare l’accaduto Anna Claudio Petrillo, Fabrizio Marrazzo e Richard Bourelly, portavoci del Lazio Pride. Vittima dell’episodio Elia, ragazzo transgender che una volta uscito dal posto di lavoro in compagnia della propria ragazza  si è trovato dinanzi ad un’autentica minaccia scritta sul vetro posteriore della sua auto: “trans di merda muori”.

Il caso é stato segnalato a Gay Help Line 800713713 che, insieme ad Arcigay Latina, ha tempestivamente provveduto a mettersi in contatto con il ragazzo, con il quale verranno valutate tutte le possibili azioni da intraprendere a sua tutela.

É evidente“, sottolineano i tre portavoci del Lazio Pride, “che sui territori del Lazio é ancora tanto il lavoro da fare. Pertanto risulta sempre più importante una legge a supporto delle vittime lesbiche, gay e trans“. Sempre sabato scorso, al termine del pride di Ostia, una famiglia arcobaleno è stata verbalmente aggredita, mentre Marrazzo, portavoce del Gay Center, è stato minacciato di morte sui social. Un clima di odio e intolleranza sempre più pericolosamente sfacciato, ma di fatto aizzato dalla totale e indifendibile indifferenza politica.

Leggi   Utente di un gioco online vittima di omofobia: responsabili dell'attacco bannati a vita
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...