Legge anti-violenza: stralciate omofobia e stalking

Luxuria: “E’ un successo storico”. I provvedimenti sui crimini di odio legati all’orientamento sessuale delle persone e alle molestie reiterate contro le donne verranno discussi separatamente.

“Lo stralcio dei reati di stalking e di omofobia dal pacchetto in materia di violenza sessuale è un risultato importante ottenuto grazie al lavoro dei movimenti e della battaglia parlamentare di cui Rifondazione comunista in queste settimane si è fatta promotrice”. Lo affermano i deputati del Prc Titti de Simone e Vladimir Luxuria insieme al presidente di Arcigay Aurelio Mancuso commentando lo stralcio, dal pacchetto anti-violenza, dei reati di stalking (molestia insistente e reiterata nei confronti delle donne) e di omofobia deciso oggi in commissione Giustizia alla Camera. Una decisione che ora dovrà passare il vaglio dell’Aula.

“Fin dall’approdo in commissione – si legge in una nota – visto l’aumento degli episodi di violenza contro gay, lesbiche e transessuali, avevamo sottolineato la necessità di annettere i due stralci per accelerare l’iter di approvazione. Oggi, grazie anche al sostegno del deputato Grillini e ad un ampio e costruttivo confronto con la maggioranza, abbiamo ottenuto un risultato storico, sul tema dei diritti civili che ci permette di affrontare una vera emergenza sociale e culturale”. “Ci auguriamo concludono De Simone, Luxuria e Mancuso – un iter rapido per la sua approvazione”.

 “Si tratta di un gesto politico di grande significato – commenta il presidente della Commissione Giustizia, Pino Pisicchio – e al tempo stesso di un atto di responsabilità compiuto anche dalle opposizioni". "Nelle scorse settimane – continua Pisicchio – ci siamo trovati di fronte a un bivio: o continuare a discutere

dell’articolato provvedimento governativo nel suo insieme, che prevedeva una serie di fattispecie di reati contro i soggetti deboli quali donne, ma anche anziani, bambini e omosessuali, accettando comunque di impegnare la Commissione in un percorso complesso; oppure stralciare quelle parti del provvedimento, essenzialmente contenute in proposte di legge parlamentari, che concernevano il reato di molestia insistente. Reato non previsto dal nostro codice e rispetto al quale un’ulteriore vacatio legis avrebbe avuto conseguenze drammatiche sulle vittime". "Sullo stalking e sulla proposta avanzata dall’on.Grillini relativa ai reati di omofobia – conclude il presidente della Commissione Giustizia -, la Commissione ha ritenuto che si dovesse procedere con l’urgenza necessaria, anche per raggiungere l’obiettivo della sede legislativa. Con un adeguato coordinamento con il Senato, questi provvedimenti potrebbero essere approvati e diventare leggi in poche settimane".

‘Se i capogruppo della Camera, su proposta del Presidente, daranno il via libera la Commissione – prosegue Mancuso – potrà discutere e approvare i provvedimenti direttamente senza passare dall’aula, il che velocizzerà di molto l’iter parlamentare”.

“Ringraziamo per il lavoro svolto in questi mesi tutti i gruppi del centrosinistra – conclude il presidente di Arcigay – in particolare i parlamentari della sinistra tra cui Titti De Simone che ha seguito i vari passaggi e tessuto un ottimo rapporto di lavoro di raccordo tra i vari gruppi. Si chiede ora a tutti capi gruppi di sostenere questo stralcio e di consentire finalmente che in questo paese si possano varare misure efficaci contro la violenza sulle donne e verso le persone lesbiche, gay, bisex e trans”.

Ti suggeriamo anche  Il leghista De Paoli a processo, nel 2016 disse: 'avessi un figlio gay, lo brucerei nel forno'
Cinema gay

Paris is Burning, compie 30 anni il fantastico documentario sulla ball culture LGBT di New York

Lo strepitoso documentario di Jennie Livingston ha ispirato Ryan Murphy nella realizzazione di Pose.

di Federico Boni