Liberation: “Sarkozy pronto a dire sì a matrimonio gay”

di

Il quotidiano aveva rivelato l'intenzione del presidente francese di inserirlo nel programma elettorale per le prossime elezioni. Ma la portavoce del partito ha smentito l'ipotesi.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1664 0

Il presidente francese, Nicolas Sarkozy, sarebbe convinto ad inserire il matrimonio gay nel suo programma elettorale. Lo scrive oggi con grande evidenza Liberation, ma l’informazione circolava da quando, qualche tempo fa, nella destra si era cominciato a parlare di una "misura progressista" nel programma elettorale. Sarebbe un modo per spiazzare la sinistra e per riprendere il cammino della "rottura con il passato", un tema caro a Sarkozy, specie in campagna elettorale.

Secondo i consiglieri dell’Eliseo citati, ma volutamente rimasti anonimi, la decisione si inserisce nella strategia di fare proposte forti in tema di diritti civili e libertà pubbliche quando si è in tempi di profonda crisi economica e sociale. La componente cattolica nell’Ump è già in fermento: "se Sarkozy propone il matrimonio gay – ha tuonato la rappresentante più conservatrice, Christine Boutin – sarà un punto di non ritorno".

La portavoce del governo francese, Valerie Pecresse, ha affermato però a metà giornata che il presidente Nicolas Sarkozy "non ha cambiato idea sul matrimonio omosessuale" al quale resta "sfavorevole". "Nessuno – ha aggiunto la Pecresse – può affermare di essere suo portavoce".

Leggi   Francia, lo scandalo delle adozioni: alle coppie gay i casi più problematici
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...