“Liberiamo Latina”, il nuovo sindaco accolto al Pride dai manigoldi di Forza Nuova

di

Nella città fascista per antonomasia, la città di Tiziano Ferro, quasi tutti i candidati sindaco avevano firmato contro i diritti LGBTI. Ma il sindaco eletto è venuto al...

CONDIVIDI
161 Condivisioni Facebook 161 Twitter Google WhatsApp
11251 2
Latina Pride Gay.it
Latina Pride Gay.it

 

Circa 2000 partecipanti (ma per altre fonti qualche centinaio) al Latina Pride svoltosi oggi 25 giugno nella città fascista per antonomasia, che proprio una settimana fa ha visto eleggere il nuovo sindaco Damiano Coletta supportato da una lista civica né di destra, né di sinistra, né del M5S.

E proprio Coletta, invitato da Fabrizio Marrazzo di Lazio Pride sul palco, ha gridato “Liberiamo Latina” al popolo del Pride.

“Avevamo organizzato navette sia da Roma, sia per le stesse persone che volevano venire da Latina, visto che la precedente giunta (di destra ndr) ha fatto in modo che l’unico spazio per il Pride – ha dichiarato a gay.it Fabrizio Marrazzo –  fosse l’ultima rotonda prima di Sabaudia”.

Ma cos’è successo con Forza Nuova?, chiediamo a Marrazzo che ci risponde “Sei o sette soggetti di Forza Nuova hanno accolto il pullman da Roma con fumogeni, ma in fin dei conti un nulla di fatto, sia le forze dell’ordine, sia la Digos e soprattutto la piazza hanno sostanzialmente annullato l’effetto protesta dei fascisti”  a proposito dei soliti manigoldi di Forza Nuova che volevano ribadire che Latina è per la famiglia tradizionale.

Seguici su Facebook >

Un Pride importante, nella città fascista per antonomasia, la città per cui Tiziano Ferro, che è nato e cresciuto qui, si è recentemente speso proprio in favore della manifestazione. LEGGI DI TIZIANO >

 

La scelta di portare il Lazio Pride a Latina era stata effettuata perché la maggior parte dei sindaci candidati alle recenti elezioni comunali aveva firmato contro ogni diritto della popolazione LGBTI.

LEGGI

Schermata 2016-06-25 alle 22.35.11

Il sindaco Coletta ha inoltre aderito alla campagna “Sindaco sposaci” con la quale i sindaci firmatari si impegnano, da settembre quando saranno effettivamente attuabili le Unioni Civili della legge Cirinnà, “a unire le coppie che lo vorranno con un rito che sarà uguale a quello del matrimonio, seppure ovviamente avente il valore legale della suddetta normativa approvata lo scorso 11 maggio al Senato” ha dichiarato Marrazzo a gay.it
(gf)

 

L’intervento di Fabrizio Marrazzo

 

Latina Pride Gay.it
Latina Pride Gay.it
Latina Pride Gay.it Forza Nuova
Latina Pride Gay.it –  Forza Nuova
Latina Pride Gay.it
Latina Pride Gay.it – Il sindaco Damiano Coletta

 

Leggi   Sardegna Pride, lo spot ufficiale che immagina la scomparsa dei gay
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...