Liguria Pride 2019, nasce il Pride Village per 8 giorni di eventi LGBT

Da Malika Ayane al teatro, passando per mostre, libri e quant’altro. E’ il primo Liguria Pride Village, da sabato 8 al 15 giugno, a Genova.

Una settimana di eventi per accompagnare la marcia dei 50 anni di Stonewall. Il Liguria Pride 2019, che si terrà a Genova sabato 15 giugno, dalle ore 15 in via san Benedetto, a un passo dalla Stazione Principe, sarà accompagnato da un vero e proprio Liguria Pride Village, da sabato 8 al 15 giugno, nei Giardini Luzzati, nel cuore della città.

Otto giorni di musica, arte, teatro, condivisione e socialità, per celebrare fierezza e visibilità dei corpi e delle soggettività LGBT+. Ad organizzare il primo Village ligure il Coordinamento Liguria Rainbow, rete di associazioni che da cinque anni ha riportato la Parata del Pride a Genova. 67 gli appuntamenti in calendario, dall’8 al 16 giugno, tra musica, arte, teatro, workshop, laboratori kids e sport

L’apertura del Village coinciderà con l’inaugurazione delle mostre OMO-ART e OMO-STORY: un progetto culturale sull’identità LGBT+ a Genova per valorizzare le ‘presenze omosessuali‘ nell’arte e nella storia genovese e ligure. OMO-ART è un format originale e innovativo: un museo on-line e un catalogo cartaceo pensati per accompagnarci in una visita inconsueta e sorprendente nei musei e nei palazzi genovesi, e farci guardare con ‘occhi nuovi’ alcune delle opere esposte, scoprendone la storia e il carattere omoerotico. Le opere selezionate per questa prima edizione sono venti e comprendono, fra gli altri, i nomi di: Guido Reni, Pierre Puget, Perin del Vaga, Salvator Rosa, Antonio Maria Morera, Bernardo Castello, Gino Grimaldi, Giulio Monteverde, Alimondo Ciampi e molti altri. OMO-STORY è invece una mostra di ritratti, commissionati a disegnatori/trici, di personagge e personaggi la cui vita è legata in modi differenti al nostro territorio e alla comunità LGBTI: un modo particolare di conoscere questi soggetti attraverso gli occhi di chi li ha disegnati, in uno scambio di sguardi che ci induce a rispecchiare noi stessi. Sono previste visite guidate.

Sabato 8 giugno, Torneo RAINBOW VOLLEY MISTO. Primo fischio d’inizio ore 09:30: una delle quattro proposte, assieme al calcetto, alla cirulla e al calciobalella, per giocare insieme e divertirsi con fair play.

Ti suggeriamo anche  Abellinum Pride ad Atripalda, lo spot che rimarca l'importanza di scendere in piazza anche nel 2019

Mercoledì 12, Porpora Marcasciano presenterà il suo libro “L’AURORA DELLE TRANS CATTIVE”, con la giornalista Silvia Neonato e con la partecipazione di esponenti delle associazioni GenovaGaya, Princesa, Rainbow Pangender Pansessuale Genova – Liguria Gaynet.

Tutti i giorni attorno alle ore 20,30 la postazione QUEER Corner Live, trasmessa in streaming sulle varie pagine social, intratterrà con ospiti e chiacchiere. Si tratta di un appuntamento voluto e promosso dal Teatro della Tosse all’interno del Village e condotto da Cristina Cavalli e Dario Polmonari (già animatori del Festival di Cultura LGBT+) che accoglieranno su un comodo divano en plein aire alcune personalità della cultura e dello spettacolo come Irene Serini, Luisa Stagi, Francesco Pivetta, Carlo Gabardini ed altri. Un po’ Cathrine Spaak. Un po’ Serena Dandini

Giovedì 13 è il momento di Silvia la Monaca in BUGIARDINO DI “PRONTO, GESÙ?”, debutto del nuovo show dell’attrice e autrice di alcuni spettacoli di stand-up comedy, nota al pubblico per i suoi video virali.

Venerdì 14 lettura scenica di “8” di DUSTIN LANCE BLACK dove un mix di persone comuni e alcuni attori professionisti leggeranno gli argomenti giuridici e le testimonianze nel processo Perry v. Schwarzenegger, che ha dichiarato la Proposition 8 della California, diretto da Cristina Cavalli, e a seguire serata di grande Musica con MALIKA AYANE.

Cinema gay

Paris is Burning, compie 30 anni il fantastico documentario sulla ball culture LGBT di New York

Lo strepitoso documentario di Jennie Livingston ha ispirato Ryan Murphy nella realizzazione di Pose.

di Federico Boni