“Limonate o non entrate”: un club gay rifiuta alcuni clienti

di

Sarebbe successo in un locale di Genova dove i buttafuori avrebbero chiesto a dei clienti di baciarsi per dimostrare di essere gay e farli entrare. Il locale: "Non...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
14360 0

Non ammessi ad un locale gay perché “non abbastanza gay”. Sarebbe successo ad alcuni ragazzi a Genova. Secondo il racconto, i buttafuori del locale avrebbero chiesto ai ragazzi di baciarsi per dimostrare di essere gay. “Limonate un po’ se volete entrare” sarebbe stato detto agli aspiranti clienti del locale. Luca Artuso, questo il nome di chi ha denunciato l’episodio al Secolo XIX di Genova, ha raccontato di essersi rifiutato: “Nonostante la telefonata alla polizia i ‘buttafuori’ non ne hanno voluto sapere”. Niente di questo sarebbe successo, invece, secondo i proprietari del locale che si appellano ai video di sorveglianza.

“Non è vero – spiegano -, ci sono le telecamere che possono dimostrare che non è andata così, da noi ci sono molti etero”.

A Luca, però, la risposta del locale non basta. “Combatto attivamente per rivendicare la presa di coscienza necessaria alla comunità gay per uscire fuori dalle gabbie dell’autoghettizzazione – scrive il ragazzo – che con questo e molti altri episodi costruiamo con le stesse nostre mani”. La questione è annosa e antica: i locali gay rappresentano una forma di autoghettizzazione o delle zone in cui potere essere se stessi senza timore di essere indicati, giudicati e offesi?

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   Genova, in tribunale due mamme battono Comune e Prefettura per il figlio
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...