Livorno: sindaco contro i gay, Arcigay protesta

di

Arcigay Toscana esprime la propria profonda delusione per le parole pronunciate dal Sindaco di Livorno in una intervista apparsa stamani su un quotidiano locale.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
961 0

PISA – Arcigay Toscana esprime la propria profonda delusione per le parole pronunciate dal Sindaco di Livorno in una intervista apparsa stamani su un quotidiano locale. «Non avrei nessuna remora a celebrare un’unione omosessuale, quando fosse legalmente possibile – ha dichiarato il Sindaco – Non sono, invece, favorevole alla possibilità che la coppia gay possa adottare un figlio. Credo che i bambini abbiano bisogno di un padre e una madre. Una situazione diversa potrebbe generare in età infantile insicurezze difficilmente colmabili».
Alessio De Giorgi, presidente di Arcigay Toscana, ricorda al Sindaco che «se e quando arriverà una legge che riconosca diritti alle coppie omosessuali e prescriva una celebrazione di tale unione di fronte all’Ufficiale di Stato Civile, lui non soltanto non dovrà avere remore, ma sarà pure obbligato dalla legge a compiere quell’atto».
Sulla seconda parte della dichiarazione, De Giorgi si chiede: «Ma li ha mai letti il Sindaco i tanti studi pubblicati su questa materia? E se fosse vero quel che lui dice, dovremmo arrivare al proposito di strappare ad esempio dalle famiglie formate da sole donne i figli, perchè crescerebbero con “insicurezze difficilmente colmabili”? Da un Sindaco medico e di sinistra, ci aspettavamo riflessioni ben più profonde ed attente!».

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...