Londra: l’ateismo viaggia sugli autobus

L’Associazione Umanista Brtannica ha scelto un modo singolare e uno slogan provocatorio per la sua campagna pubblicitaria. La Chiesa Metodista: “E’ una cosa buona se farà riflettere le persone”.

"Probabilmente non c’è alcun Dio, ora smette di preoccuparvi e godetevi la vita". E’ questo lo slogan ad effetto che l’Associazione Umanista Britannica ha scelto per la propria campagna pubblicitaria e che apparirà sugli autobus di Westminster, al centro di Londra, per tutto il mese di gennaio 2009. La campagna ha ricevuto il sostegno di eminenti personaggi, compreso il professor Richard Dwakins, docente di biologia alla Oxford University che ha dichiarato: "La religione è abituata a ottenere cose gratis: benefici fiscali, reverenza gratuita, lavaggio del cervello ai bambini. Anche sugli autobus, nessuno si ferma a riflettere nel vedere uno slogan religioso sui muri delle strade. Questa campagna farà pensare le persone, il che è un anatema per la religione".

Sorprendente, vista da qui, la reazione delle confessioni religiose.

La chiesa Metodista ha ringraziato il professor Dawkins per avere "incoraggiato un interesse nei confronti di Dio". La responsabile della spiritualità, reverendo Jenny Ellis ha dichiarato: "Questa campagna sarà una buona cosa se spingerà le persone a riflettere sul senso profondo della vita. La cristianità  – ha aggiunto – è per coloro che non hanno paura di interrogarsi sulla vita e sul suo significato". Provate a pensare a cosa sarebbe successo se un cartellone del genere fosse apparso a Roma, a Milano, a Firenze o a Napoli.

LEGGI ANCHE

Storie

Rose rainbow per San Valentino: la campagna di solidarietà per...

Una celebrazione per ogni tipo di amore, con un aiuto concreto ai senzatetto della comunità.

di Alessandro Bovo | 7 Febbraio 2019

Storie

Regno Unito, il Governo assegna 3 milioni di euro a...

Ricco assegno staccato dal Governo inglese a 12 associazioni LGBT del Regno Unito.

di Federico Boni | 4 Febbraio 2019

Cultura

Omosessualità e religione: cosa dicono il Vecchio e Nuovo Testamento?

In realtà, non sarebbe corretto affermare che nel Levitico vi sia una condanna all'omosessualità.

di Alessandro Bovo | 7 Dicembre 2018