Lotta all’Aids: il governo promette parità sui test

L’esecutivo ha approvato le richieste di Franco Grillini e dei deputati socialisti che chiedeva di superare la disparità tra le regioni nell’accesso ai test e di abbassare i costi dei preservativi.

Il Governo ha risposto positivamente all’interrogazione urgente di Franco Grillini, Valdo Spini e Fabio Baratella in occasione del primo dicembre giornata mondiale per la lotta all’aids.

Nell’interrogazione i tre deputati della Costituente socialista avevano chiesto al Ministro della salute di intervenire per superare la disparità tra regione e regione nell’accesso al test diagnostico per il virus hiv.

Molte persone arrivano al test dell’hiv solo a malattia conclamanta, e molti non si recano nei centri diagnostici, per paura e perché in alcuni centri il test diagnostico non è gratuito e anonimo come impone la legge.

Il Governo si impegnerà perché la legge sia applicata con vigore su tutto il territorio garantendo le condizioni della massima accessibilità, gratuità e anonimato e ha preso impegni anche per favorire una visione non negativa della condizione dei sieropositivi sui quali grava un ingiusto stigma sociale.

Il Governo ha risposto positivamente anche al quesito sui profilatici sui quali è in corso una campagna del PSE per il taglio dei loro costi e l’abbattimento dell’IVA al 10% per il quale i deputati socialisti hanno presentato un emendamento alla finanziaria 2008.

Domani mattina a Bologna Franco Grillini insieme ai socialisti Mauro Del Bue, Saverio Zavattieri ed Enrico Boselli e la presenza di Alessandro Cecchi Paone, presso il Comune di Bologna, parleranno anche del problema della lotta all’Aids in Italia e distribuirano preservativi marchiati Pse.

Ti suggeriamo anche  Donald Trump all'America: 'basta HIV/AIDS entro dieci anni' (ma ha tagliato fondi e chiuso cliniche di ricerca)
Musica

Michele Bravi, “mi ha salvato un ragazzo, ero innamorato ma ora se n’è andato e non tornerà più”

Dalle pagine di Vanity Fair, Michele Bravi ha confessato quanto sia stato importante per lui un ragazzo, nell'ultimo anno e mezzo, di cui si era innamorato.

di Federico Boni