Lukashenko: “Meglio essere dittatore che gay”

di

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha risposto a una critica del ministro degli Esteri tedesco, gay dichiarato, che lo accusava di dittatura. "Meglio dittatore che gay", ha detto.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1584 0

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha irriso le minacce di ulteriori sanzioni Ue sostenendo che preferisce essere "un dittatore che gay". La "battuta" di pessimo gusto è un attacco indiretto al ministro degli Esteri tedesco, Guido Westerwelle, apertamente omosessuale, che lo aveva definito (echeggiando l’ex segretario di Stato Usa, Condoleezza Rice) "l’ultimo dittatore d’Europa".

"Si tratta di vera e propria isteria – è stato il commento completo di Lukashenko – Quando l’ho sentito – qualsiasi cosa sia, gay o lesbica – parlare di dittatura ho pensato: meglio essere un dittatore che un gay". Lukashenko è al potere in Biellorussia dal 1994. Detiene un controllo di tipo sovietico sull’economia; reprime l’opposizione e i media indipendenti. Come risultatodella sua politica isolazionista, l’economia del paese soffre di iperinflazione.

Leggi   Israel Folau, Land Rover si riprende l'auto dopo i commenti omofobi del rugbista
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...