Lunedì prossimo la prima registrazione di un matrimonio a Napoli

La prima coppia gay attesa per lunedì. Lo Giudice: “Depositato testo in Senato”.

Detto e fatto. Ieri De Mgistris aveva annunciato l’ordinanza per imporre all’anagrafe la registrazione dei matrimoni gay celebrati all’estero e oggi arriva la notizia che la prima unione potrebbe già essere registrato lunedì prossimo. E sono già noti i nomi della prima coppia che chiederà di accedere allo stato civile napoletano. Sono Roberto e Manuel, napoletano il primo e spagnolo il secondo, che per ora vivono in Spagna e che dovrebbero arrivare nel capoluogo partenopeo in occasione del Mediterranean Pride of Naples di sabato prossimo. La coppia si è già sposata in Spagna, ma lunedì prossimo potrebbe chiedere la registrazione del matrimonio al comune di Napoli.

“E’ una bella decisione, coraggiosa e priva di controindicazioni sul piano legale – ha dichiarato il senatore del Pd Sergio Lo Giudice commentando il provvedimento di De Magistris -. Oggi in commissione giustizia del Senato è stato depositato dalla relatrice Monica CMonica Cirinnào testo base sulle unioni civili fra persone dello stesso sesso. La proposta estende i diritti matrimoniali alle coppie gay e consente l’adozione dei figli del partner. Verrebbe sanata così la violazione di un diritto fondamentale su cui due sentenze della Corte costituzionale hanno richiamato il parlamento. E verrebbe riconosciuta a migliaia e migliaia di bambini il diritto al riconoscimento di un legame giuridico con entrambi i genitori”.

Ti suggeriamo anche  Chiesa gay-friendly imbrattata da insulti omofobi, la replica del parroco

“L’obiettivo dell’uguaglianza di fronte alla legge delle coppie dello stesso sesso – conclude Lo Giudice – non sarà raggiunto se non attraverso il riconoscimento del diritto egualitario al matrimonio e la rimozione delle discriminazioni normative che oggi lo impediscono. Quindi un plauso va al gesto coraggioso di De Magistris, che mi auguro possa fare da apripista verso una stagione di avanzamento dei diritti civili”.