LUXURIA: “TRANS BELLE E COLORATE, MA EVITATE IL TOPLESS”

di

I lettori di Gay.it dibattono su paillettes e sobrietà, tra forum e sondaggio. E l'onorevole invita alla moderazione. Ma è possibile un Pride diverso? E soprattutto, servirebbe?

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
5288 0

«Faccio appello alle trans che parteciperanno alla manifestazione di sabato di venire coloratissime, bellissime, allegre come sempre, ma non in topless, perché questo è un pride molto importante”.

Sono parole della deputata trans di Rifondazione Comunista Vladimir Luxuria che però si rivolge anche ai media chiedendo loro di “concentrarsi sulle trans che verranno a richiedere di migliorare la propria vita, e di non focalizzarsi su singole persone un po’ esibizioniste».

La discussione continua, insomma. Per questa ragione, qualche giorno fa Gay.it ha lanciato un sondaggio tra i suoi lettori. Al momento in cui scriviamo, l’81% di voi pensa che sabato a Roma bisognerà essere “sobri, discreti, ma convincenti”, mentre il 19%

ritiene che la cosa migliore sia un corteo “colorato, vivace ed esagerato”.

Ovviamente il dibattito è accesissimo anche sul forum, ma a leggere i messaggi degli utenti viene fuori un risultato quasi opposto a quello del sondaggio. La discussione è cominciata quasi un mese fa, per la precisione, quando Gay.it ha cominciato a parlare del Pride, e lo spunto sono state le immagini scelte per quell’articolo ed è continuata quasi ininterrottamente per tutto il mese.

Libertà di essere se stessi o inutile provocazione?Il timore principale di chi ritiene che sia meglio essere meno appariscenti è che un clima troppo carnascialesco lasci fuori dall’evento anche i gay e che «porsi così..ancora con le provocazioni, sia anche inutile… il nostro orgoglio deve essere la sobrietà, la normalità, e con quella combattere da cittadini come gli altri».

Dall’altra parte c’è chi invece vuole un corteo colorato, o quanto meno, la libertà di scegliere come parteciparvi perché il Pride è «in genere, una manifestazione LGBTQ… una manifestazione di amore e emancipazione di tutte le differenze sessuali. Non è solo gay, ma anche bisex, trans. Chi ha scatenato la rivolta dello Stonewall, che il

Pride celebra, è stata una trans. Non un gay. Ricordo, inoltre, che il 90 % di chi va ai Pride italiani ogni anno è in pantaloncini e maglietta. E anche andassimo tutti in giacca e cravatta i media tirerebbero fuori filmati d’archivio pur di creare servizi che colpiscano».

Insomma, la questione non è risolta. Il dibattito continua e, in attesa di vedere la diretta su Gay.it, continuate a farci sapere come la pensate.

 

Leggi   Paola Michelini: "Io, mia sorella Giulia, Rosy Abate e il Gay Pride"
Tutti gli articoli su:
Personaggi:

Commenta l'articolo...