Mapelli contro i vescovi svizzeri

Il portavoce del Centro Studi Teologici: "Il documento emananto dai vescovi svizzeri sui gay nella chiesa e sulle coppie gay presenta molte contraddizzioni".

MILANO – "Il documento emananto dai vescovi svizzeri sui gay nella chiesa e sulle coppie gay presenta molte contraddizzioni. Fa’ un passo avanti quando chiede perdono per i torti della Chiesa e quando ‘apre’ all’eventuale legalizzazione, da parte dell’episcopato, delle unioni civili, ma fa due passi indietro quando giustifica una condanna ‘biblica’, anacronistica e fuori contesto, contro i gay. Insomma di fatto questa Chiesa rimane ferma". Cosi’ il centro Studi Teologici di Milano commenta l’ ultima presa di posizione dei prelati svizzeri sull’omosessualita’.