Marco, l’amore

di

Un commosso e commovente ricordo di Marco Pannella da parte di Giuliano Federico, creativo, giornalista. E Radicale.

CONDIVIDI
359 Condivisioni Facebook 359 Twitter Google WhatsApp
5324 0

A Marco Pannella un tentativo di gratitudine, come egli mi ha insegnato.

Marco il verbo, la lingua, la sintassi, Marco la storia. Marco la liberazione individuale,  il divorzio, Marco l’aborto, Marco il matrimonio egualitario, l’eutanasia, Marco le donne, il diritto di famiglia, Marco la liberazione omosessuale, Marco andiamo fuori!

Marco la pace,  la non violenza, Marco il diritto alla rappresentanza, Marco l’obiettivo, la legalità, Marco la democrazia violata, lo stupro all’individuo, Marco viva la vita, Marco viva il diritto alla vita.

Marco il parlamento sbranato dai partiti, le carceri, Marco la presunzione d’innocenza, la depenalizzazione, Marco l’obiezione di coscienza! Marco non sono violento, non contemplo violenza, Marco la pace e l’astensione.

Marco la repubblica, Marco transnazionale, Marco la nazione è una gabbia, liberare gli individui per liberare i popoli, Marco l’Europa!

Marco i golpisti, i burattinai, l’inciucio! Marco i cattocomunisti! Marco la tv pubblica in mano ai partiti, la partitocrazia! La radio, la tv, la rete, gli archivi, la stampa, Marco imbavagliato, Marco il mio io liberato.

Marco la censura, la verità, la manipolazione mediatica, Marco siamo pochi, Marco siamo tanti, Marco la ricerca scientifica, Marco voglio morire come dico io.

Marco la marijuana, Marco la liberazione di genere, Marco la non definizione di niente, Marco il divorzio, le donne, Marco uomo e donna, Marco no uomo, Marco no donna, Marco tutto e niente, Marco che importa, Marco voglio morire con la rosa nel pugno!

Marco non avere speranza, Marco essere speranza. Marco la carne, il corpo, la sete, Marco la lotta delle proprie viscere, Marco il digiuno, Marco acqua e sigarette, Marco la voce,  le canne, Marco quando gridavi, Marco antipatico, Marco i capelli bianchi un po’ gialli, Marco i tuoi file audio sul mio ipod.

Marco non collocabile, Marco libertario, Marco socialista, Marco transnazionale, Marco unico come me, come te, come noi, come voi, come tutti, Marco conta solo l’individuo, unico e irripetibile, Marco diamo a tutti la cittadinanza.

Marco l’Abruzzo, Marco goliardico, Marco il ragionevole sregolamento di tutti i sensi, Marco i media, Marco non facciamoci sbranare, Marco resistiamo, Marco ti prego devi dire qualcosa, Marco il silenzio e l’assenza, Marco la presenza.

Marco rischiamo di vivere, Marco non rischiamo la morte, chi tace è complice, Marco ci volteremo indietro e poi avanti, e di lato, e dall’altro, Marco la marcia, l’annuncio di vita per i vivi, Marco i diritti dei carcerati, Marco l’essere umano.

Marco lo sbriciolamento del ridicolo, il referendum, il popolo, Marco la dolce morte dignitosa, lo Stato fuori dalla mia vita, Marco lo Stato fuori dal mio letto, Marco andiamo fuori, restiamo fuori, Marco tiriamo fuori le cose, Marco portiamo fuori tutti!

Marco i bisogni indotti dai consumi, Marco bestia di gioia, Marco cancro del capitalismo, Marco lo sterminio per fame nel mondo, Marco i profughi, Marco ogni olocausto è politico, Marco che mi hai fatto leggere Rimbaud a 15 anni, Marco la tua voce nelle cuffie, Marco la comunicazione, Marco l’amore.

Giuliano Federico

 

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...