Mark Ronson: “Sono sapiosessuale, mi attrae l’intelligenza piuttosto che il genere”

Nichi Hodgson ha coniato un nuovo termine per definire tutte quelle persone che sono attratte più dal cervello di una persona, che dal loro genere. Sapiosexual.

44enne produttore inglese, Mark Ronson è stato colui che ha di fatto lanciato Amy Winehouse, producendo il capolavoro Back to Black, per poi collaborare con artisti del calibro di Stevie Wonder, Christina Aguilera, Lily Allen, Adele, Coldplay, Britney Spears, Bruno Mars, Miley Cyrus e Duran Duran. Al fianco di Lady Gaga, grazie a Shallow, canzone portante di A Star is Born, ha vinto un Premio Oscar e un Golden Globe, da aggiungere ai 7 Grammy vinti e ai due BRIT Awards.

Domani, 20 settembre, Ronson tornerà in radio con il singolo “Don’t Leave Me Lonely”, featuring YEBBA, ma nell’attesa il dj, cantante, compositore, arrangiatore e polistrumentista britannico ha fatto coming out. A modo suo, nel corso di Good Morning Britain. Mark si è infatti definito sapiosexual, termine da poco coniato che descrive qualcuno attratto dall’intelligenza, piuttosto che dal genere.

Non sapevo che ci fosse una parola per definire tutto questo. Ne stavamo discutendo nel backstage con un paio di produttori. E sì, mi sento come se mi stessi identificando come sapiosexual.

In difesa del termine è intervenuto colui che l’ha ideato, Nichi Hodgson.

La definizione significa prima intelligenza e poi attrazione. Incontro uomini e donne e mi identificavo spesso come bisessuale, però mi sono reso conto che la cosa che collegava tutte le persone che ho frequentato era il loro cervello. Sappiamo che una certa percentuale della popolazione è sapiosessuale. È sempre esistito, ma non avevamo una parola per definirlo.

Ti suggeriamo anche  Tadd Fujikawa primo golfista professionista a fare coming out: 'sono gay'