Matrimoni gay? Roba vecchia: ai tempi dei bizantini si stipulava la fratellanza spirituale

di

Due uomini, legati da un sentimento d'affetto (e non solo...), venivano benedetti dalla preghiera di un sacerdote.

CONDIVIDI
16 Condivisioni Facebook 16 Twitter Google WhatsApp
4277 0

E se il matrimonio gay non fosse un rito moderno? Se invece affondasse le sue radici in un passato molto lontano? Questo, almeno, è il senso della tesi e della ricerca di Mark Masterson, classicista e docente alla Victoria University in Nuova Zelanda.

Ai tempi dell’impero bizantino, in pieno Medioevo, era in voga – come racconta Masterson – la cosiddetta fratellanza spirituale tra uomini, una sorta di antenato dei matrimoni gay: si tratta di un rito, officiato con frequenza, che per alcuni rappresenta un antenato del matrimonio omosessuale. Per diventare fratelli spirituali i due uomini dovevano recarsi in chiesa e ricevere la benedizione di un sacerdote, che pronunciava davanti a loro una preghiera: molte di queste preghiere sono pervenute fino ad oggi.

Questo, per esempio, è un estratto da una poesia dell’800: “Questi tuoi servitori che si amano l’un l’altro con amore spirituale sono venuti alla tua santa chiesa per essere benedetti da te: concedi loro la fede senza vergogna, l’amore senza sospetto…”.

L’imperatore Basilio I (metà 800) amava circondarsi di fratelli spirituali: gli scrittori bizantini più o meno coevi, inoltre, ricordano lo sguardo ammaliante dell’imperatore, capace di catturare a sé l’interesse e le attenzioni degli altri uomini: uomini come Theophilo, membro della corte imperiale, o come l’imperatore Michele. Prima di diventare imperatore, peraltro, Basilio si unì come fratello a Giovanni, figlio della vedova Danelis, e beneficiò delle ingenti risorse economiche della signora per poi ricambiare il favore, in un secondo momento, concedendole la visita alla corte imperiale e attribuendole il prestigioso appellativo di “madre dell’imperatore”.

Anche le lettere che gli uomini si scambiavano sono giunte fino a noi: in queste affetto e eros non mancano, in linea con il linguaggio d’amore maschile tipico degli antichi Greci.

Questa è parte del testo (anonimo) contenuto nella biografia di Santa Maria Giovane, risalente al 900 o al 1000. Il figlio di Santa Maria, Vaanes, era un soldato amato dai suoi colleghi, in particolare da Theodoros: “Vaanes stava con un certo Theodoros… che lo aiutava in tutte le sue eccellenti prodezze… un uomo coraggioso e forte nelle questioni militari, ma più coraggioso ancora nel condurre una vita al servizio di Dio. Lo stringeva a lui, come un toro di buon lignaggio, essi si sentivano ricchi come se fossero stati dei proprietari di terreni agricoli che stavano seminando semi di ottima qualità, come se fossero i migliori agricoltori”.

Lo stesso Nikephoros, marito di Santa Maria, aveva una relazione con un altro uomo, Vardas, sposato con la sorella di Maria. Grazie al matrimonio incrociato, i due ebbero molto tempo da passare insieme: “Poiché, carissimi uomini, siamo diventati profondamente coinvolti l’uno con l’altro e siamo legati dalla nostra intima relazione, penso sia giusto rendere questo nostro legame d’amore più forte e applicare i legami di parentela affinché possiamo essere uniti in due modi: forgiando una connessione familiare insieme alla nostra intima relazione d’amore”.

In questi estratti compare spesso il termine ‘soggiogato’ per riferirsi a queste coppie, la qual cosa avvalora la tesi dei rapporti carnali e sessuali.

L’argomento, ad ogni modo, è controverso e oggetto di dispute: certi studiosi ritengono che il rapporto tra i due uomini non implicasse atti sessuali, altri rivendicano il contrario. C’è chi ha cercato di far luce sul motivo per cui questi uomini entrassero a far parte delle confraternite spirituali: per avere comodi rapporti sessuali con le donne degli altri? Per scopi criminali?

Leggi   Il Costa Rica legalizzerà i matrimoni gay: il divieto è incostituzionale

Antenati dei matrimoni gay? Quel che è certo, però, è che l’affetto tra i due uomini che decidevano di stipulare una fratellanza spirituale c’era e che un sacerdote benediceva questo affetto.

Per approfondimenti: https://theconversation.com/a-byzantine-ancestor-to-same-sex-marriage-82896

Fonte: L’Indro

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...